Venerdì, 19 luglio 2024 - ore 13.13

DANZA Ritorna al teatro Ponchielli Silvia Gribaudi con MONJOUR

In scena domenbica 26 marzo (ore 20.30), Lo spettacolo è un “cartoon contemporaneo” fatto di corpi in carne ed ossa

| Scritto da Redazione
DANZA  Ritorna al teatro Ponchielli Silvia Gribaudi con MONJOUR

DANZA  Ritorna al teatro Ponchielli Silvia Gribaudi con MONJOUR, in scena domenbica 26 marzo (ore 20.30), Lo spettacolo  è un “cartoon contemporaneo” fatto di corpi in carne ed ossa guidati dall’ironia di Silvia Gribaudi, un dispositivo performativo che mette al centro una riflessione sul potere e sul gioco di manipolazione tra performer e spettatore.

La messa in scena, accesa dai disegni pop dall’artista Francesca Ghermandi, rende permeabili i confini tra artisti e regista, scompagina gli ordini e i ruoli, diviene un urlo che mette al centro la fragilità umana come punto di forza, la fallibilità come potere rivoluzionario, l’inaspettato come possibilità di vedere oltre ai limiti previsti il tutto in puro stile Gribaudi

 MONJOUR è un dispositivo performativo che mette al centro una riflessione sul potere e sul gioco di manipolazione tra performer e spettatore/spettatrici. Nato nel 2019, MONJOUR è messo in discussione nel 2020 ed è rinato nel 2021. Lo spettacolo prosegue il percorso di ricerca che l’artista e coreografa Silvia Gribaudi sviluppa sullo “smascheramento dei cliché” e dei riti.

In ogni progetto Gribaudi prova a destrutturare il rapporto formale tra pubblico e performer per creare un cortocircuito che spesso esplode in una risata, ma che sempre genera uno spazio di libertà. Il titolo MONJOUR, in una delle sue accezioni, racchiude quell’inciampo o imprevisto che determina una giornata, sia positiva che negativa, è un giorno per esistere insieme nello spaesamento.

Ma siamo disposti ancora ad accogliere e seguire l’imprevisto? Durante la performance l’esortazione: “It’s for you!” lo ricorda costantemente e sollecita il corpo e le emozioni di chi lo riceve. Il lavoro di Silvia Gribaudi a partire da A corpo libero (2009) a R.OSA (2017) e Graces (2019), ha attraversato una riflessione continua sulla responsabilità del performer/autore/autrice partendo da un approccio non concettuale, ma fisico. Per questo, per comprendere il processo creativo dell’autrice, si richiede uno sforzo, non solo concettuale ma anche fisico. Solo dopo tale azione si può ascoltare dentro al corpo cosa rimane.

In questo senso anche l’applauso è azione fisica e dentro MONJOUR si chiede di applaudire

molto: un rito che per alcuni/e è piacere mentre per altri/e è sforzo.

Cosa accade quando ci immergiamo nell’universo che ci chiede l’artista, seguendone le regole

implicite che vengono dichiarate sin dall’inizio?

Sulla scena ci sono due danzatori, un clown/attore e due acrobati in dialogo con la regista/performer e il pubblico, in un gioco di montaggio e smontaggio drammaturgico che crea un prismatico vortice coreografico.

Perché l'approccio ludico può essere la chiave, ma anche la trappola. Se la performance

contemporanea ci ha abituato a fruire del fatto teatrale come un gioco, dunque più accattivante,

a quanto siamo disposti e disposte a rinunciare in termini di attenzione, concentrazione, fatica

intellettuale? Il gioco, quindi, non è solo evasione deresponsabilizzante, può essere anche un

affare molto serio. La complicità e la libertà sono le uniche regole che possono creare un incontro e una relazione, perché determinano la temperatura emotiva di un’esperienza spiazzante. Gli artisti in scena scatenano reazioni anche molto diverse e visibili nel pubblico.

È la platea il vero teatro a cui ognuno/a di noi assiste da vicino e con il vicino e la vicina: chi ride,

chi si chiude, chi non capisce perché si ride, chi si esalta. Una platea che diventa un po' arena in

cui possiamo decidere di esserne complici o di infastidirci, ma è comunque uno spazio in cui

siamo collettività/comunità, di cui in qualche modo siamo parte integrante.

Il gioco non è davanti a voi, ma siamo tutti e tutte noi.

Siamo disposti/e ad entrare in questo spazio di relazione, a scardinare i nostri ruoli e i nostri

giochi di potere? siamo disposti e disposte ad ascoltare chi ride accanto a noi senza giudicarlo ma facendoci attraversare da una risata?

Siamo disposti/e a costruire e a non distruggere l’altro e l’altra accanto solo perché diverso o

diversa da noi?

Siamo disposti/e a esserci in una continua possibilità di dare anche mostrando la nostra

fallibilità? Siamo disposti/e ad accettare che qualcosa ci stia sfinendo?

Non farsi ingannare dalla forma. Questa è la sfida di Silvia Gribaudi. MONJOUR diventa così un'azione critica del potere e del successo che fa emergere un senso di libertà solo dopo numerosi tentativi di costruzione e decostruzione a partire da noi stessi, da noi stesse.

Sei disposto o disposta a fare questo sforzo?

 domenica 26 marzo ore 20.30

SILVIA GRIBAUDI

MONJOUR

di Silvia Gribaudi

con i disegni animati di Francesca Ghermandi

performer: Salvatore Cappello, Nicola Simone Cisternino, Silvia Gribaudi, Riccardo Guratti,

Fabio Magnani e Timothée-Aïna Meiffren

consulenza drammaturgica: Matteo Maffesanti

materiale artistico creato da: Silvia Gribaudi, Salvatore Cappello, Nicola Simone Cisternino,

Riccardo Guratti, Fabio Magnani e Timothée-Aïna Meiffren

direzione tecnica e disegno luci: Leonardo Benetollo

musiche: Nicola Ratti e Gioachino Rossini

creative producer: Mauro Danesi

 Produzione: Zebra

coproduzione: Torinodanza Festival / Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale, Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni, Les Halles de Schaerbeek (Bruxelles)

Con il sostegno di MIC Progetto realizzato nell’ambito di “Corpo Links Cluster” progetto realizzato da Torinodanza Festival /

Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale, Malraux scène nationale Chambéry et Savoie,

Associazione Dislivelli e Université Savoie Mont Blanc, sostenuto dal Programma di Cooperazione PC INTERREG V A - Italia-Francia (ALCOTRA 2014-2020)

Con il sostegno di Centro di Residenza Emilia-Romagna (L’arboreto Teatro Dimora | La Corte

Ospitale), ARTEFICI. Residenze Creative Fvg/Artisti Associati, AMAT/Comune di Pesaro/Residenze Marche Spettacolo, ARMUNIA/Festival Inequilibrio, Lavanderia a Vapore/Centro di residenza per la danza, ATER Fondazione/Teatro Comunale Laura Betti di Casalecchio di Reno.

  

Biglietti:

platea/palchi €25

biglietto studenti €12

 

 Ufficio Stampa e Comunicazione

Segreteria 0372 022010-011 info@teatroponchielli.it

Fax 0372 022099

www.teatroponchielli.it

773 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online