Mercoledì, 14 aprile 2021 - ore 19.16

Etichettatura obbligatoria? Una bufala

| Scritto da Redazione
Etichettatura obbligatoria? Una bufala

Alimenti. Etichettatura obbligatoria? Una bufala, lo conferma la Ue
Roma, 25 Maggio 2011. I commissari europei per la Salute e Tutela del Consumatore, John Dalli e per l’Agricoltura, Dacian Ciolos, bocciano la legge italiana sulla etichettatura degli alimenti.
I commissari ritengono  'non opportuna' la norma italiana sull'etichettatura d'origine dei prodotti e chiedono di soprassedere fino a quando non sara' adottato un regolamento a livello comunitario. E' il primo passo per l'avvio della procedura di infrazione nei confronti del nostro Paese. Il Parlamento italiano aveva approvato la legge su una nuova etichettatura dei prodotti alimentari (1) che non potra' essere attuata perche' in contrasto con le direttive europee (2) e che quindi sara' bocciata dall'Unione europea. Gia' nel 2004 fu approvata una legge (3) che obbligava ad indicare le materie prime nelle etichette e la Commissione europea diffido' l'Italia di applicarla. Nel gennaio 2010 il Governo Berlusconi invio' a Bruxelles il testo di legge approvato e alle critiche mosse in sede europea non rispose. Oggi si ripropone lo stesso scenario, tenendo comunque presente che la legge in questione non potra' avere alcun effetto senza i successivi decreti attuativi e poi dovra' su
 perare
lo scoglio di Bruxelles che gia' si e' messo di traverso. Sul merito della proposta siamo d'accordo, quello che ci lascia perplessi e' il varo di una legge che non si concretizzera', almeno per i prossimi  anni. Una bufala. 


(1) Legge n. 4 del 3 febbraio 2011.
(2) direttiva. 2000/13/CE che modifica la direttiva 112/79/CEE
(3) Legge n.204/2004

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it – Email: aduc@aduc.it
Tel.055290606
Ufficio stampa: Tel.055291408

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/alimenti+etichettatura+obbligatoria+bufala+conferma_19106.php

2272 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica. In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022 L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica.