Martedì, 16 agosto 2022 - ore 18.44

Frontalieri: emendamento al " milleproroghe" |Cgil Frontalieri

| Scritto da Redazione
Frontalieri: emendamento al

Frontalieri: emendamento al " milleproroghe" |Cgil Frontalieri
In esecuzione dell'ordine del giorno approvato all'unanimità  dalla Camera dei Deputati e fatto proprio  dal Governo, ad allegare, abbiamo presentato uno specifico emendamento al "milleproroghe",  per il quale auspichiamo il medesimo esito positivo.
Claudio Pozzetti , Cgil Frontalieri
----------------------------
Ordine del giorno:
La Camera  Premesso che:
fin dal 2003 è stata prevista una franchigia fiscale per i lavoratori italiani sottoposti a doppia imposizione fiscale; sono i lavoratori che risiedono in Italia e lavorano in Stati esteri, con i quali l’Italia non ha sottoscritto accordi specifici, principalmente la Repubblica di San Marino ed il Principato di Monaco;
l’importo della franchigia non tassabile, fissato nel 2003, in 8000 euro non è stato aumentato nel corso degli anni, né le iniziative parlamentari per adeguarlo all’aumento del costo della vita hanno avuto seguito;
sono più di 6.000 i lavoratori frontalieri che dall’Emilia-Romagna e dalle Marche si recano a lavorare nella Repubblica di San Marino e oltre 6.000 che dalla Liguria si recano a lavorare in Francia e nel Principato di Monaco. Inoltre, la franchigia ha validità per tutti i frontalieri italiani occupati nei cantoni svizzeri di frontiera oltre la della fascia di 20 chilometri, così come stabilito con l’Accordo del 3 ottobre 1974 relativo all'imposizione dei lavoratori frontalieri ed alla compensazione finanziaria a favore dei Comuni italiani di confine, recepito successivamente nella Convenzione italo-svizzera del 9 marzo 1976 (Convenzione tra la Confederazione svizzera e la Repubblica italiana per evitare le doppie imposizioni e per regolare talune altre questioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio), entrata in vigore il 27 marzo 1979;

la copertura finanziaria della franchigia non tassata, dettata dall’esigenza di non penalizzare i redditi dei lavoratori frontalieri  sottoposti a doppia imposizione,  è stata assicurata  di anno in anno dalle leggi dello Stato fino al 2011 e scadrà al 31 dicembre 2011 in forza dell’art. 1 comma 7-bis del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194 convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25;
la crisi economica che non ha risparmiato la Repubblica di S. Marino,  ha indotto il Governo sanmarinese a varare nel dicembre scorso una finanziaria di tagli e nuove entrate  atti a coprire  il deficit; parte di essi derivano da una mancata detrazione del 9 per cento, applicata solo sulle buste paga dei lavoratori frontalieri italiani;
il predetto prelievo, oltre a ledere il diritto all’uguaglianza del trattamento dei lavoratori  negli stessi luoghi di lavoro, determina un sensibile peggioramento delle condizioni economiche dei lavoratori frontalieri occupati a San Marino, l’economia originata dal lavoro transfrontaliero rappresenta la fonte primaria per le popolazioni e per lo sviluppo dei territori confinanti con le nazioni sopra menzionate;
impegna il Governo
ad affrontare con urgenza e risolvere nel primo provvedimento utile il problema della proroga, anche per il 2012,  della franchigia  di 8000 euro per i redditi di tutti i lavoratori  transfrontalieri italiani occupati nei termini sopra esposti.
Marchioni, Narducci, Scandroglio, Pizzolante, Vannucci, Tullo, Rossa
-----------
1° Emendamento al "milleproroghe"
Art. 6
Dopo il comma 2 inserire il seguente:
Comma 3: “E’ prorogata dal 31-12-2011 al 31-12-2012 la disposizione relativa ai redditi dei lavoratori frontalieri sottoposti a doppia imposizione fiscale, di cui all’art. 1 comma 24 della legge 24-12-2007, n. 244 e successive modificazioni”.
Farina Gianni, Bucchino Gino, Fedi Marco, Garavini Laura, Narducci Franco, Porta Fabio
-------------------------
2° Emendamento al "milleproroghe"
E'stato presentato un'altro emendamento al DDL "milleproroghe" in discussione alla
Camera, riguardante la riproposizione della  franchigia fiscale di 8000 euro per i frontalieri italiani che lavorano in Svizzera ( oltre la vecchia fascia di residenza di 20 km dal confine), nella Repubblica di San Marino e nel Principato di Monaco, firmato dagli on. Marchioni, Narducci, Marantelli, Tullo, Braga e Duilio.Le lavoratrici e i lavoratori frontalieri interessati  sono complessivamente oltre 15.000: riteniamo opportuna l'unificazione degli emendamenti presentati, che vanno nella medesima positiva direzione, auspicandone  l' approvazione.

2604 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

La Commissione europea ha aperto oggi, 9 luglio, un invito a presentare proposte, con uno stanziamento di 35 milioni di euro, a favore dello sviluppo dell’analisi delle immagini medicali per la diagnosi del cancro, basata sull’intelligenza artificiale, e di altri strumenti e tecniche di analisi per la prevenzione, la previsione e la cura delle forme più comuni di cancro.