Sabato, 23 marzo 2019 - ore 13.17

Guccini cuor di poeta Memo di Massimo Negri – Casalmaggiore (CR)

Cari amici di Welfare Cremona, ritengo che Enzo Biagi (1920-2007), nella sua veste di giornalista, sia stato uno dei maestri di scrittura breve. A volte, poche righe, le parole e le immagini giuste e voilà il bozzetto è fatto. Nel decennale della scomparsa, i miei trascorsi bolognesi portano a ricordarlo con un suo pezzo tratto dalla rubrica “Annali” su L’Espresso del 24 agosto 2000.

| Scritto da Redazione
Guccini cuor di poeta  Memo di Massimo Negri – Casalmaggiore (CR)

Guccini cuor di poeta

11 Agosto, santa Chiara. Ho incontrato Francesco Guccini. Siamo nati tutti e due nei dintorni di Porretta e abbiamo delle nonne in comune. Fa piacere avere tra i parenti un tipo come lui: sembra che non si sia mai allontanato da Pavana, e racconta storie che hanno come scenario quei paesaggi che hanno accompagnato anche la mia infanzia: col cuore e le parole dei poeti. Ricorda e narra la vita della mia e della sua gente: quelli che d’inverno andavano a fare carbone in Maremma, o a picconare in miniera e a tagliar boschi in Sardegna, e risente ancora dallo scampanellare il ritorno dei pastori a primavera, e il sussurrare delle donne che recitano il rosario in quaresima e poi l’arrivo dei villeggianti che andavano a nuotare nel “bottazzo”, il bacino che raccoglieva l’acqua per fare andare le macine del mulino. Una sua canzone si intitola “Auschwitz”, un’altra l’ha dedicata a Bologna ed è carica di affetto: mi è venuta in mente una pagine del Carducci che la trova “ardita e fantastica nella sua architettura”; Francesco Guccini la considera anche un po’ “puttana”. Ma senza offesa.

741 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online