Sabato, 31 ottobre 2020 - ore 09.12

Per Andrea Orlando segretario Pd Massimo Negri – Casalmaggiore (CR)

V’è anzitutto una ragione di stile. Rispetto ai modi arrembanti e divisivi del segretario uscente Renzi, mi pare che Orlando sia dotato di un tratto più misurato e inclusivo, adatto a tenere insieme una comunità politica. Vi è poi una ragione identitaria

| Scritto da Redazione
Per Andrea Orlando segretario Pd Massimo Negri – Casalmaggiore (CR)

Per Andrea Orlando segretario Pd Massimo Negri – Casalmaggiore (CR)

V’è anzitutto una ragione di stile. Rispetto ai modi arrembanti e divisivi del segretario uscente Renzi, mi pare che Orlando sia dotato di un tratto più misurato e inclusivo, adatto a tenere insieme una comunità politica. Vi è poi una ragione identitaria

Cari amici di Welfare Cremona, terminata con la Convenzione Pd del 9 aprile 2017 la prima fase, riservata agli iscritti, che ha selezionato i tre candidati alla segreteria (Matteo Renzi, Andrea Orlando e Michele Emiliano), è ora in corso la seconda fase che condurrà al voto di domenica 30 aprile, aperto ai simpatizzanti-elettori del Pd, fra cui (disincantato) ancora mi colloco. Con questa lettera espongo i motivi che orientano  la mia scelta per Andrea Orlando.

V’è anzitutto una ragione di stile. Rispetto ai modi arrembanti e divisivi del segretario uscente Renzi, mi pare che Orlando sia dotato di un tratto più misurato e inclusivo, adatto a tenere insieme una comunità politica. Vi è poi una ragione identitaria. Quando ha deciso di candidarsi, Orlando ha dichiarato: “ Ci vogliono 50 sfumature di Pd, non di rosso. Dentro il Pd ci deve essere il rosso ma dobbiamo rifare il Pd che abbiamo sognato dieci anni fa”. In altre parole, forse è  l’esatta riproposizione del profilo costitutivo del Pd, formazione di centrosinistra che si è data  l’obiettivo di unire quel che resta dei vari riformismi italiani dei partiti tradizionali del Novecento, per portali, rinnovati, nel secolo contemporaneo. 

Pur con la prudenza che la circostanza richiede, ritengo che Andrea Orlando, attuale ministro della Giustizia, benché relativamente giovane, abbia una buona cultura politica, attributo essenziale per rendere un  servizio utile ai cittadini. La sua candidatura a segretario ma non anche a premier di un eventuale prossimo governo a guida Pd mi sembra una prova di apprezzabile  modestia per svolgere bene una sola e già delicata funzione.

Nell’augurare ai tre contendenti un finale di confronto vivace e leale , esprimo un pensiero. Chiunque sia il prossimo segretario, vorrei che impegnasse le migliori risorse interne ed esterne al partito per cercare di rispondere, almeno in parte, ai problemi posti dalle nuove tecnologie e dalla globalizzazione che, trasformando in continuazione i mercati competitivi e  il mondo del lavoro, a fianco delle innegabili opportunità,  lasciano sul campo profonde diseguaglianze e numerose persone perdenti di cui una forza politica che si ispira ai valori della solidarietà deve sapere farsi carico.

Cordiali saluti

Massimo Negri – Casalmaggiore (CR)

 

 

 

1209 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online