Martedì, 17 settembre 2019 - ore 11.17

I gay Svizzeri hanno la prima casa di riposo

Secondo un sondaggio del 2013, in Svizzera più dell’80% delle persone interrogate riteneva necessaria una struttura di questo tipo.

| Scritto da Redazione
I gay Svizzeri hanno la prima casa di riposo

Nel novembre del 2013, la Ministra francese Michele Delaunay, evidenziando come nelle case di riposo esistano forme di discriminazione contro gli omosessuali, i sieropositivi, i bisessuali e i transessuali, proponeva di realizzare case di risposo apposite per queste categorie. L'iniziativa in Francia non è ancora stata concretizzata al contrario della Svizzera che ha accolto la proposta annunciando di voler realizzare le case di riposo per gay.

Il 28 ottobre, nella città di Zurigo è stata fondata l'associazione Queer Altern, che ha come obiettivo la realizzazione della prima struttura per anziani omosessuali e sieropositivi nell'arco di tre o quattro anni. Uno degli ideatori, Vincenzo Paolino, ha dichiarato al network radiotelevisivo svizzero RTS, che non sarà comunque pensata unicamente per lesbiche, gay e transessuali, ma le porte saranno aperte a tutti.

Secondo un sondaggio del 2013, in Svizzera più dell’80% delle persone interrogate riteneva necessaria una struttura di questo tipo. In Europa, solo a Berlino si può trovare un progetto simile a quello previsto per la Svizzera, rivela Giovanni D'Agata, presidente dello Sportello dei Diritti. In Italia, bisognerà, prima di tutto, abbattere le barriere socio-culturali, poi si potrà pensare ad una proposta simile.

1613 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

La Commissione europea ha aperto oggi, 9 luglio, un invito a presentare proposte, con uno stanziamento di 35 milioni di euro, a favore dello sviluppo dell’analisi delle immagini medicali per la diagnosi del cancro, basata sull’intelligenza artificiale, e di altri strumenti e tecniche di analisi per la prevenzione, la previsione e la cura delle forme più comuni di cancro.
Dove in Europa si passa più tempo al lavoro (mappa). In Italia la media è 33 ore settimanali

Dove in Europa si passa più tempo al lavoro (mappa). In Italia la media è 33 ore settimanali

I dati sono del 2016, quindi piuttosto recenti (e la mappa è realizzata dal sito jakubmarian.com). Seguono la grande crisi economica che ha colpito, in maniera diversa, vari Paesi d’Europa, e rendono un’idea abbastanza chiara dei modelli economici che vanno per la maggiore, e anche del perché di alcune differenti statistiche. Come quelle sull’occupazione.Forse può essere una sorpresa per qualcuno, ma è proprio nell’austera Germania che si lavora di meno. Meno che in Italia, che in Grecia, che in Russia.