Giovedì, 02 luglio 2020 - ore 16.53

I Sindaci e la sentenza di Quinavalle

| Scritto da Redazione
I Sindaci e la sentenza di Quinavalle

I Sindaci e la sentenza di Quinavalle
La sentenza 11169/2008 (Quintavalle), relativa al primo caso di “danno ambientale” causato da un
aeroporto e confermato, appunto, da una sentenza, ha posto le condizioni per iniziare a ragionare sui rischi derivanti
dall’inquinamento prodotto dall’aeroporto di Malpensa.
Preso atto che le perizie disposte dal Tribunale di Milano hanno confermato quanto denunciato dall’Azienda
Quintavalle ed hanno motivato un significativo indennizzo, è sembrato automatico il sillogismo “alberi sotto agli
aerei = danno ai vegetali, uomini sotto agli aerei = danno agli esseri umani”.
Naturalmente non facile da dimostrare, ma il fatto che:
• L’esposizione al rumore sia causa di ipertensione (studio H.Y.E.N.A.),
• Lo studio “Salus domestica” abbia evidenziato differenze nella qualità della vita di chi abita vicino rispetto
a chi abita lontano dall’aeroporto di Malpensa,
• L’accordo di delocalizzazione confermi l’esistenza del danno ambientale,
autorizza a sostenere che sia necessaria grande attenzione alla qualità della vita, principio garantito dalla
Costituzione. Questa attenzione è dovuta in particolare da parte dei Sindaci in quanto responsabili della salute dei
cittadini in base al T.U. delle leggi sanitarie.
Si vuol qui ricordare che, il 4/10/2003, UNI.CO.MAL. Lombardia organizzò a Gallarate il Convegno
“Inquinamento atmosferico nell’area di Malpensa” in cui tecnici ed esperti dell’ARPA, del Politecnico di Milano
e dell’Università di Brescia illustrarono una situazione di grave inquinamento derivante dalle emissioni atmosferiche
delle fonti non aeroportuali presenti in quest’area. Gli inquinanti tipici derivanti dall’operatività aeroportuale “si
sommano quindi in modo sinergico agli inquinanti già presenti - si diceva già allora - con effetti per la salute umana
che diventeranno evidenti nel medio periodo”.
Ecco dunque che UNI.CO.MAL. Lombardia, in data 20/04/2009, nota la sentenza Quintavalle, ha
scritto ai Sindaci e, per conoscenza, ai Capigruppo consigliari dei 17 Comuni compresi nel “Piano d’Area di
Malpensa” (L.R. N.° 10/99) una lettera per richiamare l’attenzione sul problema. “Ritenendo possa sussistere grave
pericolo per la salute umana si pone quindi - sosteneva UNI.CO.MAL. Lombardia - necessità ed urgenza di azioni
appropriate”. Si segnalava in queste lettere che non si stava puntando ad un indennizzo, non “soldi in cambio della
salute”, ma che l’obiettivo deve essere accertare, con gli strumenti stabiliti dalle leggi vigenti, quale sia il limite di
impatto ambientale sopportabile e compatibile con la residenza umana.
Eccoci ora al dunque: quale è stata la risposta dei Sindaci?
Il Comune di Casorate ha provveduto ad effettuare in proprio un monitoraggio dell’inquinamento
atmosferico sul proprio territorio, commissionandolo ad una Società privata specializzata, con l’obiettivo di ricercare
proprio gli inquinanti specifici emessi dai propulsori degli aerei alimentati con il carburante “avio”. Il monitoraggio
risulta terminato e sarà interessante conoscerne i risultati.
Il Comune di Lonate Pozzolo, con Delibera di Giunta N. 190 del 09/12/2010 parla di: “acquisire
informazioni aggiornate in merito alle condizioni di salute della popolazione locale, conoscere lo stato di
attuazione/avanzamento delle analisi epidemiologiche di monitoraggio sanitario svolte dalla A.S.L. sulla
popolazione dei Comuni dell’area aeroportuale, studi ad hoc di epidemiologia ambientale, disporre dei dati sanitari
scientificamente corretti, valutare il possibile impatto sullo stato di salute della popolazione locale, discutere in
ambito CUV i dati sanitari che verranno resi disponibili dall’A.S.L., coinvolgere l’ A.R.P.A., ecc.” (Consultabile
all’U.R.L.: http://www.comune.lonatepozzolo.va.it/LAY020/L02001.aspx).
I Comuni di Castano Primo, Golasecca, Nosate, Robecchetto con Induno e Turbigo hanno segnalato di aver
trasmesso per competenza ad ASL e ad ARPA quanto ricevuto da UNI.CO.MAL. Lombardia. Sui mancati riscontri
dei Comuni di Arsago Seprio, Busto Arsizio, Cardano al Campo, Ferno, Gallarate, Samarate, Sesto Calende, Somma
Lombardo, Vergiate e Vizzola Ticino, si ritiene di non esprimere alcuna considerazione.
Si aggiunge solo che l’allarme confermato dalla sentenza Quintavalle viene amplificato dal piano industriale
del Gestore S.E.A. che, con il sostegno della Regione Lombardia, punta a sviluppare un traffico aeroportuale di 45-
50 milioni di passeggeri nel volgere dei prossimi anni.
Considerato l’insopportabile disagio già sperimentato con i 7-800 voli/giorno degli anni 2006 e 2007, quale
vivibilità e quali conseguenze si possono ipotizzare per gli abitanti dei 38 Comuni esistenti nel raggio di 10
chilometri dalle piste quando il traffico sarà di 1500-1600 movimenti aerei/giorno?
Gallarate, 10 gennaio 2011
UNI.CO.MAL. Lombardia
Il Presidente
Beppe Balzarini

1705 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

  Mostra LEA STEIN – ''Tutto cominciò da un bottone…''

Mostra LEA STEIN – ''Tutto cominciò da un bottone…''

Fino al 16 febbraio 2020 Ancora pochi giorni utili e cala il sipario sulla straordinaria mostra che il Museo del Bijou di Casalmaggiore ha dedicato all’artista francese Lea Stein. Domenica 2 febbraio l’ingresso al Museo del Bijou e alla mostra sarà gratuito (#domenicalmuseo) mentre nella giornata di lunedì 17 febbraio (dalle 11 alle 17) sarà possibile acquistare i bijoux firmati Lea Stein dell’antiquaria milanese Lorena Taddei, che ha curato l’esposizione