Lunedì, 28 novembre 2022 - ore 16.53

Il Centro Sociale del Maristella va sostituito con una nuova struttura | Michele De Crecchio

Ho ragione di temere che sia corretta la tesi di chi oggi propone la sostituzione del vecchio prefabbricato con una struttura del tutto nuova.

| Scritto da Redazione
Il Centro Sociale del Maristella va sostituito con una nuova struttura | Michele De Crecchio

Il Centro Sociale del Maristella va sostituito con una nuova struttura | Michele De Crecchio

Ho ragione di temere che sia corretta la tesi di chi oggi propone la sostituzione del vecchio prefabbricato con una struttura del tutto nuova.

In merito al dibattito sul centro sociale al Maristella interviene Michele De Crecchio con un ricordo personale.

Tale centro sociale è infatti ospitato in una vetusta struttura prefabbricata che, in origine (credo fine anni ’50), era stata, con grave danno ambientale, collocata nel bel mezzo del parco del vecchio ospedale (oggi Parco del Vecchio passeggio, accessibile anche dal viale Trento e Trieste), per ospitarvi il «Reparto Sanitas» che l’amministrazione del nosocomio aveva ritenuto allora opportuno realizzare per ospitarvi, in condizioni decorose, i malati paganti.

Quando il Vecchio Ospedale, a seguito di un lungo e appassionato dibattito, fu acquisito, quasi integralmente dal Comune, qualcuno propose subito di insediare in tale prefabbricato, allora ancora in ottime condizione, il Comando dei Vigili Urbani, operazione che, se effettivamente realizzata, avrebbe certamente rinviato «sine die» l’auspicata realizzazione del parco pubblico.

Intervenne, subito e molto opportunamente, il quotidiano La Provincia  (allora diretto da Mauro Masone) sostenendo che così facendo, si sarebbe partiti «con il piede sbagliato» nel recupero del complesso ex-ospedaliero.

La giunta di allora, guidata da quell’ottimo Sindaco che fu Emilio Zanoni, decise, poco dopo, di smontare il prefabbricato e di ricollocarlo, con funzioni di Centro Sociale, nel nuovo quartiere Maristella che si stava, allora, completando, in via Persico.

Considerati i molti anni trascorsi e la particolarissima origine della costruzione, ho ragione di temere che sia corretta la tesi di chi oggi propone la sostituzione del vecchio prefabbricato con una struttura del tutto nuova.

Michele de Crecchio Cremona

29 ottobre 2022

213 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online