Martedì, 24 maggio 2022 - ore 05.23

Il 'violino della Shoah' l'8 settembre a Milano all'iniziativa 'I luoghi della Memoria'

Il violino apparteneva ad Eva Maria, una ragazza ebrea di 22 anni che, con il fratello Enzo, più giovane di lei, stava scappando in Svizzera

| Scritto da Redazione
Il 'violino della Shoah' l'8 settembre a Milano all'iniziativa 'I luoghi della Memoria'

Il “violino della Shoah”, appartenente alla collezione privata di Carlo Alberto Carutti ed esposto nella sezione Le Stanze per la Musica del Museo Civico “Ala Ponzone”, sarà protagonista delle iniziative in programma martedì 8 settembre, al Memoriale della Shoah di Milano, a partire dalle 20.30, per ricordare il tragico destino di quanti partirono da quel luogo, nei sotterranei della Stazione Centrale di Milano, per mai più fare ritorno. Lo strumento, che verrà portato dallo stesso ing. Carutti, sarà suonato da Lydia Cevidalli, docente di violino al Conservatorio di Milano e coordinatrice della parte musicale dell'evento.

Il violino apparteneva ad Eva Maria, una ragazza ebrea di 22 anni che, con il fratello Enzo, più giovane di lei, stava scappando in Svizzera. Una fuga interrotta a Tradate, dove vennero catturati dai Tedeschi il 12 novembre del 1943. Portati dapprima nel carcere di San Vittore a Milano, il 6 dicembre furono trasferiti a Verona per essere caricati su un treno con destinazione Auschwitz. Prima di morire nel lager, la ragazza riuscì a consegnare lo strumento al fratello che, sopravvissuto, riuscì poi a rientrare in Italia alla fine della guerra. Le sue condizioni di salute non gli permisero comunque di vivere a lungo: morì a 36 anni, dodici anni dopo. Aveva però sempre tenuto con sé anche l'amato violino che, malconcio e con parecchie rotture, fu poi riparato in modo magistrale da un famoso liutaio di Torino e religiosamente conservato nel suo astuccio nero.

Per maggiori informazioni sulla manifestazione si veda allegato

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

1420 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria