Martedì, 24 novembre 2020 - ore 04.31

In Piemonte il sistema di contact tracing è bloccato

In Piemonte il sistema di contact tracing è ormai bloccato, come ammette l’assessore alla Sanità. Ora si tenta la via dei test rapidi.

| Scritto da Redazione
In Piemonte il sistema di contact tracing è bloccato

Abbiamo visto come in tutta Italia il tracciamento dei contatti stia completamente fallendo e questo fallimento è uno dei principali fattori che portano al dilagare del virus in questa seconda ondata. Si puntava proprio sulla capacità di individuare subito i mini-focolai provocati tra i contatti di un positivo per arginare il virus e fare in modo che l’eventuale seconda ondata fosse meno grave della prima, invece, almeno per numero di contagi, la situazione è addirittura peggiorata e man mano stanno aumentando anche i numeri di ricoveri e di decessi. Alcune regioni sono nei guai con i numeri di posti rimasti disponibili in terapia intensiva (come sta succedendo in Campania), e quanto sia grave la situazione lo ha spiegato ieri il direttore sanitario dell’ATS Milano, Vittorio Demicheli, che ha detto chiaramente che non si riesce a tracciare tutti i contatti.

La Regione Piemonte se la passa male almeno come la Lombardia, ma con meno della metà degli abitanti (i lombardi sono più di 10 milioni, i piemontesi circa 4 milioni e 300mila). Il sistema di contact tracing è sostanzialmente bloccato, tanto che le persone che risultano positive devono, di fatto, provvedere da sole ad avvisare i propri contatti i quali si mettono in autoisolamento. Anche segnalandosi alla Asl, non si ha alcun riscontro.

228 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria