Giovedì, 18 ottobre 2018 - ore 22.31

Interviste welfare Filippo Bongiovanni, Sindaco di Casalmaggiore, risponde ad alcune nostre domande

Abbiamo rivolto al sindaco di Casalmaggiore dott. Filippo Bongiovanni alcune domande rispetto alla gestione del suo comune. In particolare abbiamo chiesto quali sono state le principali attività svolte nello scorso anno, gli obiettivi del 2018, se le risorse a disposizione sono sufficienti e sulle prospettive ddi apertura del ponte di Casalmaggiore. Nel ringraziare il dott. Bongiovanni per la sua dipsonibilità di seguito pubblichiamo le sue risposte.

| Scritto da Redazione
Interviste welfare Filippo Bongiovanni, Sindaco di Casalmaggiore, risponde ad alcune nostre domande

Filippo Bongiovanni, Sindaco di Casalmaggiore, risponde ad alcune nostre domande

Abbiamo rivolto al sindaco di Casalmaggiore dott. Filippo Bongiovanni alcune domande rispetto alla gestione del suo comune. In particolare abbiamo chiesto quali sono state le principali attività svolte nello scorso anno, gli obiettivi del 2018, se le risorse  a disposizione sono sufficienti e sulle prospettive ddi apertura del ponte di Casalmaggiore. Nel ringraziare il dott. Bongiovanni per la sua dipsonibilità di seguito pubblichiamo le sue risposte.

------------------------

Ecco il testo dell’intervista

D.) Quali sono state le attività principali svolte nel 2017?

R.) Abbiamo realizzato l'ampliamento della scuola primaria di Vicomoscano, sistemato la scuola d'infanzia di Cappella, realizzata una rotatoria sulla ex ss Castelnovese incrocio con via Del Porto, completato via Paul Harris e risistemata via Petofi, riasfaltato diverse strade in città e frazione; organizzato una grande mostra monografica su Giuseppe Diotti di cui hanno parlato tutte le maggiori testate nazionali.

D.) Le priorità programmatiche del 2018 quali sono?

R.) Realizzare la rotatoria sulla ex ss Asolana presso il Penny Market e riasfaltare diverse strade in frazione, con i fondi che riceveremo dal Governo ristrutturare il Torrione Estense, inoltre a breve partiranno altri lavori per ristrutturare due parti del municipio.

D.) E le risorse  a disposizione del suo comune sono sufficienti?

R.) Premesso che in questi 4 anni non abbiamo mai aumentato le tasse, anzi l'IMU è stata diminuita, cerchiamo di operare con le risorse a disposizione, tenendo presente che rispetto ad inizio mandato lo Stato trasferisce circa un milione in meno di risorse al nostro Comune di fondo solidarietà.

D.) Come giudica i rapporti con l’ente Provincia e con la Regione  e Governo con particolare riferimento alla questione della transitabilità del ponte ?

La situazione del Ponte di Casalmaggiore è la plastica rappresentazione dell'Italia. La decisione di martoriare finanziariamente le Province, proprietarie della maggior parte delle strade e dei ponti ad alta percorribilità, ha generato problemi che sono sotto gli occhi di tutti (cavalcavia e ponti chiusi o che crollano, strade sempre più devastate).

A 4 mesi dalla chiusura siamo in attesa di un decreto promesso dal Ministero delle Infrastrutture che stanzierebbe i soldi per la riparazione in attesa che lo stesso ponte passi sotto l'ANAS. In realtà Regione Lombardia ha stanziato immediatamente 3 milioni di euro, bastava che l'Emilia Romagna ne stanziasse altrettanti e avremmo già il cantiere sul ponte.

Regione Lombardia e Provincia di Cremona hanno già deliberato la cessione delle strade ex statali, tra cui l'Asolana, all'ANAS, Emilia Romagna deve ancora fare altrettanto.

Le istituzioni superiori hanno sicuramente compreso la gravità della situazione, ma la burocrazia italiana non consente interventi celeri, come la popolazione si aspetterebbe.

 

947 visite

Articoli correlati