Lunedì, 25 ottobre 2021 - ore 18.56

L'evoluzione e la rivoluzione delle gomme quattro stagioni

Continua il successo delle gomme quattro stagioni: Pirelli e Michelin fanno da capolista, con i loro pneumatici realizzati per ogni tipo di veicolo.

| Scritto da Redazione
L'evoluzione e la rivoluzione delle gomme quattro stagioni

Nel mercato dei pneumatici, ci dice lo staff del sito specializzato gomme-auto.it, si sta registrando un vero e proprio cambio di direzione. Se fino a poco tempo fa le case produttrici evidenziavano come la sicurezza stradale in estate e in inverno fosse soprattutto legata alla scelta delle giuste gomme stagionali, la nascita di pneumatici 4 stagioni ad elevata tecnologia punta non solo sulla sicurezza, ma anche sulla comodità di avere uno stesso pneumatico per tutto l'anno. A partire dal Cinturato All Season della Pirelli, per passare alla Michelin, che ha lanciato le CrossClimate, fino alle più recenti Multiseason della Firestone, le case di produzione di pneumatici stanno progettando e realizzando mescole e tecnologie sempre più avanzate per pneumatici 4 stagioni sempre più evolute.

Una scelta pensata per l'automobilista medio

Una scelta dettata dalla consapevolezza che la maggior parte degli automobilisti, in Europa, si muove soprattutto su auto compatte o di media dimensione su circuiti cittadini, con temperature e condizioni climatiche che, per quanto fredde in inverno e calde in estate, non sono mai estreme. Non dovendo affrontare manti innevati o temperature tropicali, e vivendo in una società che punta sempre di più alla praticità, i grandi produttori di pneumatici hanno voluto trovare una soluzione che permette di ottenere una guida sicura durante tutto l'anno. Sempre gomme-auto.it, sottolinea che questa scelta non è dovuta solo ad un cambiamento delle richieste del mercato, ma soprattutto alle innovazioni tecnologiche, che hanno permesso di realizzare mescole nuove e disegni di battistrada funzionali sia per i periodi invernali che per quelli estivi.

Michelin CrossClimate

Le prime gomme quattro stagioni di moderna generazione ad essere state immesse nel mercato sono state le CrossClimate della Michelin, realizzate in 23 differenti misure, da 15 a 17 pollici, per una vasta gamma di autoveicoli. Dal punto di vista tecnico si tratta di un pneumatico estivo al quale sono state migliorate una serie di caratteristiche per renderlo performante anche in caso di neve.

Ed infatti le CrossClimate sono omologate 3Pmsf (3 Peak mountain snow flake), ossia possono affrontare strade di montagna innevate in piena sicurezza. Dai test eseguiti, sia su asciutto che su bagnato e neve, è stato evidenziato come il CrossClimate si può paragonare al collega estivo Michelin Energy Saver per la tenuta e le frenate su fondo asciutto e alle invernali Michelin Alpin 5 per il grip in curva sul asfalto bagnato e trazione su neve.

La scelta di Pirelli e Firestone

Viceversa, le All Season della Pirelli, nascono da un pneumatico invernale, al quale sono state migliorate le caratteristiche per una maggiore sicurezza anche in estate. Lanciato in 21 differenti misure, questo pneumatico vanta la tecnologia Seal Inside, che permette di proseguire la marcia in totale sicurezza anche in caso di foratura.

L'ultimo arrivato nel mondo delle gomme quattro stagioni è il Multiseason Firestone, lanciato inizialmente in sole 9 dimensioni, comprese tra 13 e 16 pollici. Realizzate principalmente per il mercato di auto più comune, ossia le piccole e medie dimensioni, la Firestone sta comunque già progettando altre 16 misure, che verranno realizzate per il prossimo anno.

E se da un lato c'è chi punta soprattutto alle piccole auto, al Salone di Ginevra sono state invece presentate dei pneumatici 4 stagioni per i Suv e per le auto 4x4: le Yokohama Geolandar H/T G056.

La ricerca tecnologica tuttavia non si ferma, e lo dimostrano i prototipi presentati dalla Goodyear, la TripleTube e la BH03. La TripleTube è realizzata per cambiare automaticamente la propria pressione a seconda delle condizioni stradali: si potrà così migliorare l'aderenza sul bagnato in caso di pioggia o optare per un miglioramento dell'handling su asfalto asciutto. La gomma BH03, invece, è un prototipo progettato per i veicoli a batteria e er gli ibridi, ed è in grado di trasformare il movimento delle gomme in energia elettrica grazie ad una particolare tecnologia e composizione degli strati interni. Si tratta di strati termoelettrici e piezoelettrici che possono assorbire la luce esterna e il calore che si genera dal movimento per poi convertirli in energia da utilizzare, naturalmente, per la vettura stessa.

E se la tecnologia è alla base dell'evoluzione delle gomme quattro stagioni, si può dire che questi primi esperimenti saranno presto superati con qualcosa di veramente fantascientifico, per una guida sempre più sicura.

 

2510 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria