Lunedì, 15 agosto 2022 - ore 18.08

L' Islam è pace Ad un anno dalla strage di Peshawar i Pakistani Cremonesi in piazza (Video)

Islam non è terrorismo, terrorismo non è islam, islam è pace. Con questi slogan la comunità pakistana di Cremona ha organizzato un fiaccolata per ricordare tre avvenimenti e dire NO al terrorismo. La strage di Peshawar del 2014 che ha fatto 126 vittime, le stragi di Parigi del 2015 e per festeggiare anche nascita del profeta Gesù la cui ricorrenza cade in questi giorni.

| Scritto da Redazione
L' Islam è pace  Ad un anno dalla strage di Peshawar i Pakistani Cremonesi in piazza (Video) L' Islam è pace  Ad un anno dalla strage di Peshawar i Pakistani Cremonesi in piazza (Video) L' Islam è pace  Ad un anno dalla strage di Peshawar i Pakistani Cremonesi in piazza (Video) L' Islam è pace  Ad un anno dalla strage di Peshawar i Pakistani Cremonesi in piazza (Video)


Un centinaio di cittadini della comunità Pakistana cremonese ha oggi manifestato contro il terrorismo per ricordare la strage di Peshawar del 2014, le stragi in Francia del 2015 e per festeggiare  anche la nascita del profeta Gesu’.

Una manifestazione composta che ha visto esporre anche la bandiera italiana ed addobbare la piazza della stazione con palloncini bianchi, rossi e verdi. Quella pakistana è una comunità molti ‘invisibile’ che però ha le idee chiare. I vari oratori che si sono succeduti  ha espresso un solo concetto: Islam non è terrorismo, terrorismo  non è islam, islam è pace

Alla manifestazione era presente anche il centro islamico di Cremona.

Rammarico per l’assoluta mancanza di cittadini cremonesi che invece erano stati presenti in forze nella manifestazione del 2014 a ridosso della strage nella scuola di Peshawar.

Riprese di Gian Carlo Storti

------------------

In ricordo della strage di Peshawar. Da un comunicato di Amnesty del dicembre 2014 . La strage dei talebani contro una scuola di Peshawar  del  è indice di uno spietato disprezzo per la vita umana e mette al contempo in evidenza l’urgente necessità di proteggere la popolazione civile della zona. Almeno 126 persone, per la maggior parte bambini, sono state uccise da uomini armati che, dopo essere entrati nella scuola, hanno iniziato a sparare indiscriminatamente contro alunni e insegnanti, in uno dei più scioccanti attacchi dei talebani che la memoria recente ricordi.

 

 

 

2436 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online