Venerdì, 24 novembre 2017 - ore 21.25

Lecco - Morosità incolpevole

Al via la nuova raccolta delle richieste di sostegno

| Scritto da Redazione
Lecco - Morosità incolpevole

Parte martedì 12 dicembre la nuova raccolta delle richieste di sostegno economico rivolta agli inquilini morosi incolpevoli, in possesso di sfratto con citazione di convalida.

Si intende per morosità incolpevole la sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone di locazione, determinata dalla perdita o dalla consistente riduzione del reddito familiare, per un’incidenza almeno pari al 10%, sopravvenute a causa di licenziamento, mobilità, cassa integrazione, mancato rinnovo di contratti a termine, accordi aziendali e sindacali con riduzione dell’orario di lavoro, cessazione di attività professionale o di impresa o consistente perdita di avviamento, malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare, oppure ogni altra comprovata condizione di particolare gravità, valutabile in sede di presentazione della domanda, che abbia comportato una consistente diminuzione del reddito.

Dal 12 dicembre e, tassativamente, entro il 31 dicembre, o fino a esaurimento dei fondi disponibili, è possibile presentare la propria richiesta allo "sportello affitto" del Comune di Lecco, situato al piano terra della sede centrale di piazza Diaz, previo appuntamento telefonico (numero 0341/481302).

L’erogazione dei contributi è subordinata al trasferimento del finanziamento regionale, per questo la possibilità di presentazione delle richieste cessa con l’esaurimento dei fondi messi a disposizione da Regione Lombardia.

421 visite

Articoli della stessa categoria

Lecco 125 anni fa veniva inaugurato il Monumento ad Alessandro Manzoni

Lecco 125 anni fa veniva inaugurato il Monumento ad Alessandro Manzoni

Compie 125 anni il Monumento nazionale ad Alessandro Manzoni sito nell'omonima piazza. Il monumento celebrativo del grande scrittore a cui è indissolubilmente legato il nome della nostra città fu inaugurato venerdì 11 ottobre 1891 alla presenza del poeta Giosuè Carducci e dell'allora Senatore Gaetano Negri, al cui discorso seguì la lettura di un testo a firma di Antonio Stopani, che non visse abbastanza da vedere inaugurata l'opera alla quale aveva dedicato tanta energia.