Sabato, 15 agosto 2020 - ore 11.53

Luca Nolli (M5S Cremona) Un nuovo ospedale non serve ma va riqualificato quello esistente

L’ospedale di Cremona ha dei problemi e questo è vero ma questi sono dovuto a continui tagli alla sanità pubblica perpetrati negli ultimi decenni nell’ottica di un declassamento del nostro Ospedale.

| Scritto da Redazione
Luca Nolli (M5S Cremona) Un nuovo ospedale non serve ma va riqualificato quello esistente

Luca Nolli (M5S Cremona) Un nuovo ospedale non serve ma va riqualificato quello esistente anche con nuovi servizi

In questi giorni c’è chi propone di “utilizzare i soldi del MES per realizzare un nuovo ospedale a Cremona”.

Premesso che i soldi del MES non ci sono e non si prevede di utilizzarli (almeno adesso e alle condizioni richieste dall’Europa)

Premesso anche che sarebbero soldi a debito che andrebbero a ricadere sulle generazioni future.

Dopo la disastrosa esperienza della gestione Leghista della sanità Lombarda (siamo ai primi posti mondiali per morti da CoronaVirus ) si sta ritornando ad una gestione Ciellina-Formigoniana.

L’ospedale di Cremona ha dei problemi e questo è vero ma questi sono dovuto a continui tagli alla sanità pubblica perpetrati negli ultimi decenni nell’ottica di un declassamento del nostro Ospedale.

A farne le spese sono stati sopratutto i Medici (con la M maiuscola) che non hanno potuto fare altro che andarsene verso la sanità privata (e con loro i pazienti).

L’Ospedale di Cremona NON ha bisogno di nuove “mura” ma ha bisogno di ricostituire quell’infrastruttura Medica e di personale specializzato di cui adesso è carente.

Volere costruire un nuovo Ospedale non mi sembra sia dovuto ad una volontà di migliorare i servizi ai cittadini ma solo la volontà di “spartirsi quella torta” che un appalto di questo tipo comporterebbe.

Abbiamo visto tutti cos’è successo con l’Ospedale COVID della Fiera di Milano. Vi sembrano soldi spesi bene ?

Se vogliamo un Ospedale migliore (come quello di una volta) dobbiamo capire quali sono i problemi e preoccuparci di risolverli con azioni contingenti al problema.

Ricordo a tutti il declassamento dell’UTIN con cui i neonati a rischio verranno trasferiti al Civile di Brescia che essendo sovraccarico ne dirotterà buona parte al Poliambulanza di Brescia (struttura privata).

A Brescia esistono due strutture UTIN a meno di un Kilometro di distanza quando a qualsiasi persona dotata di razionalità sembrerebbe più logico averle dislocate in diversi punti del territorio lombardo (per garantire maggiore prontezza di un reparto di emergenza).

Molti bravi Medici hanno abbandonato il nostro Ospedale e altri lo stanno abbandonando ancora.

Questo non è dovuto alla “struttura in muratura” dell’Ospedale ma alla gestione politica dello stesso.

Dobbiamo tornare a una Sanità Pubblica con dirigenti scelti per capacità e non per schieramento politico.

Chi fino a ieri ha compiuto iniziative mirate a declassare il nostro Ospedale favorendo altri territori con quale credibilità si può ergere a salvatore della Sanità cremonese proponendo un nuovo ospedale ?

Gli interessano i cittadini o gli appalti per costruire un nuovo ospedale ?

La nostra proposta (a livello locale) è quella di ascoltare i Medici per capire come migliorare l’Ospedale e investire in tal senso.

Serve un intervento di ristrutturazione infrastrutturale ma non un nuovo Ospedale

A livello nazionale auspico che l’esperienza post-COVID porti a una rivalutazione della Sanità Pubblica togliendola dalle mani della politica.

Chiedo anche ai giornalisti di chiedere e informarsi coi medici (sopratutto a chi se ne è appena andato e non può subire ripercussioni) per capire quali siano le vere problematiche del nostro Ospedale.

Smettiamola di fare propaganda elettorale.

Evitiamo che ci sia una “torta da spartire” di un mega appalto che servirebbe a tutt’altro che a garantire un servizio efficiente per i cittadini.

Siamo tutti cittadini di Cremona che prima o poi avremo bisogno delle cure del nostro Ospedale.

Dobbiamo preoccuparci di far funzionare meglio l’Ospedale mettendo i Medici in condizione di poterlo fare.

Torniamo ad una Sanità Pubblica come quella di una volta.

Le scelte politiche della Lombardia non hanno fatto risparmiare ma semplicemente dirottato verso il privato quanto prima veniva speso nel pubblico.

Salviamo il nostro Ospedale.

Luca Nolli – Portavoce M5s in Consiglio Comunale a Cremona

12 giugno 2020

312 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online