Giovedì, 12 dicembre 2019 - ore 15.07

Luciana Castellina: 'La violenza frutto della fame e dell'esclusione'

La giornalista e scrittrice, ospite di Arci Cremona, ha presentato 'Guardati dalla mia fame', storia di un linciaggio popolare nella Puglia del dopoguerra.

| Scritto da Redazione
Luciana Castellina: 'La violenza frutto della fame e dell'esclusione' Luciana Castellina: 'La violenza frutto della fame e dell'esclusione'


La questione della violenza e le ragioni della nonviolenza nelle lotte popolari: questo il titolo della conversazione con Luciana Castellina presso Luogocomune - Centro Sociale Culturale Arci a Cremona. Luciana Castellina, autrice del libro Guardati dalla mia fame, scritto insieme a Milena Agus e pubblicato da Nottetempo ha spiegato il tema e l'origine della storia raccontata: nella Puglia del dopoguerra in occasione di un comizio di Giuseppe Di Vittorio, politico e sindacalista, avviene un linciaggio. Due sorelle, figlie di un ricco proprietario terriero di Andria, vengono uccise dalla folla in seguito a degli spari sul comizio sindacale. Un delitto conseguenza della fame, della precarietà quotidiana, dell'insicurezza a cui i braccianti pugliesi erano costretti dallo sfruttamento degli agrari. Luciana Castellina non si limita a raccontare il delitto, i personaggi, il contesto sociale perché "Guardati dalla mia fame è una storia del concetto di libertà. La libertà per i braccianti era mangiare, se non mangiavano, a cosa serviva vivere?" ha affermato l'autrice, "E questo spiega la rabbia, la violenza scatenata contro le sorelle Porro, figlie di quegli agrari che negavano ai braccianti di mangiare" e viste quindi come "colpevoli per classe". Quella violenza naturale e cieca delle lotte contadine e operaie divento però una soggettività politica, grazie al lavoro dei partiti come il PCI e il PSI, ma anche della DC: un lavoro che, secondo la Castellina, sta andando disgregandosi negli anni con la disgregazione dei partiti e l'allontanamento tra l'istituzione e il cittadino. Questo costituisce un pericolo: il pericolo che senza un'adeguata rappresentazione politica dei bisogni degli emarginati, degli esclusi, degli affamati - che ancora oggi esistono - le tensioni diventino violenza, e se questo accade, la democrazia ha fallito.

A.L.

1781 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Rodolfo Bona, ass. Comune di Cremona, propone cittadinanza onoraria a Liliana Segre |Video G.C.Storti

Rodolfo Bona, ass. Comune di Cremona, propone cittadinanza onoraria a Liliana Segre |Video G.C.Storti

Nel corso del suo intervento di saluto all’avvio del 6° Ciclo Progetto Conoscere la Costituzione, corso organizzato dalla associazione 25 Aprile e da Proteo Fare Sapere, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale, nel portare i saluti ai partecipanti, ha dichiarato che in segno di solidarietà alla senatrice Liliana Segre proporrà la cittadinanza onoraria .
Cremona Gianluca Galimberti: il nuovo governo Conte ascoltando i sindaci parte con il piede giusto (Video G.C.Storti)

Cremona Gianluca Galimberti: il nuovo governo Conte ascoltando i sindaci parte con il piede giusto (Video G.C.Storti)

Il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti ha partecipato nei giorni scorsi ad un incontro di amministratori del centrosinistra con il segretario nazionale del PD Nicola Zingaretti. Come sottolinea Galimberti ‘il nuovo governo Conte, sostenuto dal PD, ascoltando i sindaci parte con il piede giusto. I sindaci infatti sono la prima autorità dello stato su territorio di cui un governo deve tener conto. Bene quindi l’ascolto ed il dialogo’.