Lunedì, 05 dicembre 2022 - ore 01.57

Lula a un soffio dalla vittoria, ma Bolsonaro lo porta al secondo turno

Lula: ''Non ho mai vinto al primo turno. La lotta continua fino alla vittoria finale!''

| Scritto da Redazione
Lula a un soffio dalla vittoria, ma Bolsonaro lo porta al secondo turno

Luiz Inácio da Silva  (Lula) ha vinto il primo turno delle elezioni brasiliane con il 48,4% dei voti, ma il presidente uscente, il neofascista Jair Bolsonaro arriva al  43,2% e lo porta al secondo turn. L’ago della bilancia saranno i voti della terza arrivata, Simone Tabet del Movimento Democrático Brasileiro (MDB) che si è fermata al 4,2%, subendo un tracollo storico.

Le elezioni hanno mostrato anche una redistribuzione dei voti all’interno della sinistra brasiliano, con il Partido dos Trabalhadores (PT) di Lula che non è più egemone.

Anche se alcuni sondaggi davano vincente Lula al primo turno, il candidato della Coligação Brasil da Esperança resta convinto che «Vinceremo queste elezioni. La lotta continua fino alla vittoria finale! Questo è il nostro motto».

Dopo che la Justiça Eleitoral ha confermato i risultati del primo turno, Lula ha detto ai giornalisti: «Ho sempre partecipato alle elezioni con la volontà di vincere al primo turno. Ma se il mio desiderio non si realizza, non mi scoraggi, anzi. Una cosa che nella vita mi motiva, mi stimola e mi fa rinascere ogni giorno è la convinzione che nulla accade per caso. E voglio dirvi che vinceremo queste elezioni». Poi ha ringraziato la stampa per la professionalità dimostrata e si è congratulato con tutti gli eletti in Parlamento indipendentemente dal partito di appartenenza».

Ma il ringraziamento più grande è andato ai brasiliani: «Grazie al popolo brasiliano per questo gesto di generosità. Quattro anni fa ero considerato fuori dalla politica. E ho detto che saremmo tornati, e saremmo tornati con più forza, più volontà, più disponibilità. Perché l’unico motivo per cui lottiamo è che il popolo brasiliano conquisti ciò di cui ha bisogno».

Con al suo fianco sua moglie Janja, il candidato alla vicepresidenza Geraldo Alckmin del Partido Socialista Brasileiro (PSB), Fernando Haddad del PT e tutta la leadership della della Coligação Brasil da Esperança di centro-sinistra che lo ha appoggiato, Lula ha salutato una grande folla di elettori e, scherzando, ha detto: «Per disgrazia di qualcuno, ho guadagnato altre quattro settimane per fare campagna elettorale. E amo fare campagna, amo uscire per strada, tenere una manifestazione, salire su un camion, amo discutere con la società brasiliana. E sarà importante, perché sarà la prima occasione per noi di confrontarci con il Presidente della Repubblica, per scoprire se continuerà a dire bugie o se almeno una volta nella sua vita andrà, dire la verità al popolo brasiliano».

Lula ha ricordato che «Il Brasile è molto peggiorato negli ultimi anni. Il secondo round è un’opportunità per un candidato di maturare le sue proposte e il suo dialogo con la società. Sta a te mostrare alla gente cosa accadrà, chi governerà questo Paese. Andiamo avanti, il 30 è molto vicino. Un bacio nel vostro cuore».

Ma il vero bagno di folla per Lula e Alckmin è stato all’Avenida Paulista, dove i candidati hanno ringraziato tutti coloro che hanno votato per la Coligação Brasil da Esperança e Lula ha ricordato che «Non ho mai vinto un’elezione al primo turno. Sembra che al destino piaccia farmi lavorare un po’ di più. Il secondo turno si svolgerà il 30, a soli tre giorni dal mio compleanno: vinceremo le elezioni! Non potevo fare a meno di venire a Paulista per dire che è grazie a persone comevoi, è grazie alle donne, agli uomini e ai giovani che sono qui che il Partido dos Trabalhadores vincerà le elezioni. E vinceremo perché il Brasile ha bisogno di noi».

FONTE https://greenreport.it/

134 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria