Sabato, 20 agosto 2022 - ore 08.33

Lutto per la morte di Havel

| Scritto da Redazione
Lutto per la morte di Havel

Partecipiamo al lutto che ha colpito il popolo ceco per la scomparsa di Vaclav Havel.
Statista, filosofo, umanista, autore teatrale, europeista attivo e convinto, è stato uno maggiori protagonisti che hanno caratterizzato la storia della Cecoslovacchia prima e della Repubblica Ceca poi, dal dopoguerra ai nostri giorni.
Dissidente sin dalla prima ora al regime di stampo stalinista instauratosi dopo la conferenza di Monaco, è stato difensore dei diritti umani e fautore della contestazione non violenta tanto che qualcuno oggi (forse con un pizzico di esagerazione) lo ricorda come la versione laica di Giovanni Paolo II.

Ha preso parte nel ‘68 al tentativo di democratizzazione del sistema di Dubcek, fallito con l’intervento armato Sovietico, è stato uno dei primi firmatari di “Charta 77” subendo per questo anni di carcere, fino ad essere protagonista nell’89 della rivoluzione pacifica al regime ed accompagnando il Paese verso le democrazie europee occidentali in qualità di Presidente per tre mandati.

Migliaia di cittadini cechi, per la maggior parte giovani ritrovatisi attraverso facebook, lo hanno voluto ricordare ieri a Praga, nonostante il freddo pungente, organizzando una manifestazione ispirata a quella spontanea che nell’89 caratterizzò la così detta “rivoluzione di velluto”.
Praga, 19 dicembre 2011
L’addetto stampa
Elio Rampino

1129 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria