Giovedì, 12 dicembre 2019 - ore 17.39

Marchionne rilancia la Chrysler

| Scritto da Redazione
Marchionne rilancia la Chrysler

Marchionne a Brampton rilancia la Chrysler
Chrysler avvia la produzione della Chrysler 300 e del Dodge Charger nell’impianto di Brampton, portando così a nuovi prodotti lanciati dalla casa automobilistica dall’inizio dello scorso anno.
«Il lancio della Chrysler 300 e del Dodge Charger dimostrano la strada fatta da questa società in 18 mesi. L’assistenza del governo canadese e della provincia dell’Ontario ci hanno dato la possibilità di crearci un futuro. Il Gruppo Chrysler ha un debito di gratitudine nei confronti dei contribuenti canadesi e americani per i prestiti concessi», afferma l’amministratore delegato di Fiat e Chrysler Sergio Marchionne (nella foto) dall’impianto di Brampton. «Con l’impegno, la dedizione e il sostegno del Caw (Canadian Auto Worker, il sindacato dei metalmeccanici canadese), stiamo dimostrando quello che si può riuscire a fare quando l’industria, il governo e i sindacati si uniscono. Chrysler sta pagando oltre 1 miliardo di dollari in interessi ai contribuenti americani e canadesi. È uno dei più costosi finanziamenti che si potevano ottenere ma ritengo che i termini dell’accordo siano giusti». Marchionne ha aggiunto di augurarsi di ottenere entro gennaio i 3 miliardi di dollari in finanziamenti chiesti al Dipartimento dell’Energia americano.

fonte: http://www.corriere.com/viewstory.php?storyid=104953

1281 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

EGITTO, RAPPORTO DI AMNESTY SULLA PROCURA PER LA SICUREZZA DELLO STATO

EGITTO, RAPPORTO DI AMNESTY SULLA PROCURA PER LA SICUREZZA DELLO STATO

UN MINACCIOSO STRUMENTO DI REPRESSIONE In un nuovo rapporto sull’Egitto diffuso oggi, Amnesty International ha accusato la Procura suprema per la sicurezza dello stato - responsabile delle indagini sulle minacce alla sicurezza nazionale - di abusare regolarmente delle norme antiterrorismo per annullare le garanzie sul giusto processo e perseguire migliaia di persone che hanno criticato il governo in modo pacifico
EGITTO, ESAME PERIODICO UNIVERSALE ONU: AMNESTY VA DENUNCIATA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI

EGITTO, ESAME PERIODICO UNIVERSALE ONU: AMNESTY VA DENUNCIATA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI

Alla vigilia dell’Esame periodico universale (Universal periodic review - Upr) cui l’Egitto si sottoporrà di fronte al Consiglio Onu dei diritti umani, Amnesty International ha chiesto alla comunità internazionale di pretendere l’immediato rilascio di manifestanti pacifici, attivisti e difensori dei diritti umani imprigionati nella spietata repressione che negli ultimi mesi ha portato in carcere oltre 3800 persone.
HONG KONG, AMNESTY INTERNATIONAL CRITICA I POTERI D’EMERGENZA

HONG KONG, AMNESTY INTERNATIONAL CRITICA I POTERI D’EMERGENZA

Il governo di Hong Kong ha annunciato l’intenzione di applicare - a partire dal 5 ottobre - una legge sui poteri d’emergenza, risalente al periodo coloniale, che vieta la copertura anche parziale del volto durante le manifestazioni pubbliche (salvo che per motivi di salute o di religione) e che autorizza le autorità a procedere ad arresti sommari e a limitare la libertà di espressione e di riunione pacifica.