Lunedì, 14 ottobre 2019 - ore 10.52

Museo del Violino Cremona ‘ I liutai italiani in Argentina e la collezione Fernández Blanco

Si terrà il 24 settembre alle 10 presso il Museo del Violino di Cremona la conferenza “I liutai italiani in Argentina e la rinascita dalla Collezione Fernández Blanco” di Pablo Saraví, noto violinista, ricercatore argentino esperto nella storia degli strumenti ad arco e autore del libro “Liuteria italiana in Argentina” (2002, Eric Blot Edizioni). L’ingresso è libero e gratuito.

| Scritto da Redazione
Museo del Violino Cremona ‘ I liutai italiani in Argentina e la collezione Fernández Blanco

Pablo Saraví arriva a Cremona grazie all’Associazione Latinoamericana di Cremona, con il sostegno del Comune di Cremona e la collaborazione del Museo del Violino, per raccontare la storia dei liutai italiani emigrati in Argentina e dei notevoli strumenti dei maestri italiani arrivati nelle collezioni argentine.

La storia della liuteria italiana in Argentina inizia alla fine dell’Ottocento quando numerosi artisti, tra cui musicisti e liutai, emigrano attratti dalle facilitazioni per ottenere lavoro. Alcuni di loro, come Camillo Mandelli, Luigi Rovatti, Alcide Gavatelli, Giovanni Capalbo o Alfredo Del Lungo sono oggi ben conosciuti da molti musicisti, esperti e collezionisti.

Nel corso di un periodo in cui l'Argentina ha prosperato enormemente in campo economico (1880-1930), ricchi collezionisti acquistano strumenti notevoli di maestri italiani. Tra questi si distinguono particolarmente Gustavo Herten e Isaac Fernández Blanco, la cui importante raccolta è stata recentemente restaurata ed è oggi in esposizione permanente a Buenos Aires. Il set include nomi famosi come Giuseppe Guarneri del Gesù, Andrea Guarneri, Giovanni Battista Guadagnini, Francesco Gobetti, Santo Serafin, Gioffredo Cappa, Lorenzo Storioni, Pietro Giovanni Mantegazza, Vincenzo Panormo e molti altri, così come gli archi di Tourte, Peccatte, Simon, Tubbs e altri maestri.

Alle ore 12 sul palcoscenico dell’Auditorium Giovanni Arvedi lo stesso Pablo Saraví sarà protagonista di un’audizione “Il Suono di Stradivari” con il violino Vesuvio 1727 delle collezioni del Museo. (posto unico euro 7)

-----------------------

Biografia PABLO SARAVÍ

Pablo Saravi, violinista argentino, è stato premiato due volte consecutive, nel 1999 e nel 2009, con il Premio Konex (nel 2009 KonexPlatinum) per essere "una delle figure più importanti della musica classica in Argentina".

Ha studiato violino con MiguelPuebla, Szymsia Bajour, Alberto Lysy e Yehudi Menuhin.

Ha vinto il Primo Premio in tutte le competizioni di violino in Argentina, tra cui il Concurso Argentino de Musica con il premio OEA-CIDEM.

Tra il 1987 e il 1990 è stato scelto da Yehudi Menuhin come Assistant Professor presso l'Accademia Internazionale YehudiMenuhin in Svizzera.

Ha suonato musica da camera con artisti come Alberto Lysy, Yehudi Menuhin, Martha Argerich, Bruno Gelber, NikitaMagaloff, Cho-Liang Lin, Marcela Roggeri, Avi Avital, Victor Torres, Soledad de la Rosa e molti altri.

Saravi è uno dei Primi Violini e membro fondatore della World Orchestra for Peace, che ha avuto inizio sotto la direzioni di Sir GeorgSolti (1995) e continua oggi con Valery Gergiev. Con questa orchestra, Pablo Saravi si è esibito nei teatri e auditórium più importanti di Londra (Royal Albert Hall), New York (Carnegie Hall), Berlino (Philharmonie Hall), San Pietroburgo (Teatro Mariinsky), Mosca (Sala Grande del Conservatorio) Beijing (Nuovo Auditorium della Città Proibita), Gerusalemme (Centro Internazionale) e molti altri.

Per più di un decennio ha fatto concerti in qualità di Direttore / Spalla nella Camerata Bariloche. E’ anche Violino di Spalla dell'Accademia Bach di Buenos Aires e Violino di Spalla della Orchestra Filarmonica di Buenos Aires (Teatro Colón).

Saravi ha fondato nel 2009 il Quartetto Petrus. Questo gruppo ha ricevuto il Premio Francavilla di Sicilia nel 2012 per il suo CD " Tango Ballet" e nel 2014 il Primo Premio dell’Associazione dei Critici dell’Argentina.

Saravi ha inciso, tra altre opere, due CD con la pianista Alicia Belleville, ed altri CD con diverse opere per violino solo e violino e pianoforte.

Pablo Saravi è anche un ricercatore ed esperto nella storia dal violino (strumenti ad arco). Ha scritto il libro dal titolo "Liuteria italiana in Argentina", pubblicato a Cremona, nel 2002 (Eric Blot Edizioni). Nel 2011 e nel 2015 sono stati pubblicati i suoi due libri (con CD singolo) dal titolo "Un Guarneri a Buenos Aires" e "Capolavori della Liuteria Italiana". Queste opere sono dedicate agli strumenti della Collezione Isaac Fernández Blanco.

 Saravi è membro della Violin Society of America, per la quale ha tenuto conferenze negli Stati Uniti nel 2009 e nel 2014.

1398 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online