Giovedì, 21 novembre 2019 - ore 16.51

Natale di speranza per tutti

| Scritto da Redazione
Natale di speranza per tutti

Natale di speranza per tutti
Un fine anno "politico" così incerto lo si era visto nel 2007.
Nel gennaio 2008 il Governo Prodi entrò in crisi e la legislatura finì.
Berlusconi, poi, vinse con una stra bordante maggioranza.
Molto probabilmente, a Gennaio 2011, assisteremo ad un film già visto.
Vi è il sentore che, la corsa dell'esecutivo del Cavaliere, possa finire
ingloriosamente, stretto fra i suoi problemi giudiziari ed un centro-destra
ucciso dai litigi interni.
Ma la condizione del paese è molto diversa. E in tutto ciò che sta
succedendo c'è una buona dose di irresponsabilità, come se in gioco non ci
fosse la pelle di milioni di famiglie italiane.
Non siamo in un tempo ordinario.
Il 2011 sarà un anno molto più complicato perla tenuta sociale del paese,
afflitto da una crisi economica che non si risolve e che sta falcidiando
l'occupazione.
Economia debole, società debole e politica debole. Una miscela esplosiva.
berlusconi-bossi-fini.jpgSperiamo, quindi, che le elezioni non ci siano, che
Berlusconi chiuda con questa legislatura la sua ormai quasi ventennale
avventura politica e che chi, chiamato ad assumersi questa responsabilità
del dopo cavaliere, possa essere, dopo aver raccolto i cocci di ciò che
rimane, una vera alternativa al berlusconismo.
Fenomeno che è stato causa della frammentazione, scientificamente
perseguita, della nostra società.
Il PD è nato per dare agli Italiani una nuova opportunità.
bersani_vendola_casini_fini1.jpgPossibilmente senza rincorrere, a corrente
alternata, ora la sinistra movimentista di Vendola, da una parte, ora il
fantomatico terzo polo di Casini, dall' altra.
Occorre ancora un po' di tempo affinché il PD ricominci a brillare di luce
propria e non riflessa.  Deve ritrovare  l'orgoglio di un suo progetto e dei
suoi gruppi dirigenti, sia a livello centrale che periferico, attraverso i
quali parlare a tutti gli italiani senza la pretesa di chiudersi in blocchi
sociali che non esistono più.
C'è necessità di ridare una speranza alla classe media massacrata da questo
governo, ai giovani che, protestando pacificamente, sembrano scuotersi dalla
rassegnazione.
Anche alla nostra Provincia serve la speranza di una grande progetto di
rinascita, rivolto a tutta la "società di buona volontà" che è stanca di
rassegnarsi ad una routine avvilente che ci relega sempre a fanalino di coda
della Lombardia a dispetto delle nostre grandi potenzialità.
Al Natale chiediamo che ci porti dosi massicce di speranza!! E di voglia di
fare. Ce n'è bisogno.
Del resto è proprio Einstein che ci ricorda "che le crisi portano a
progresso e che la creatività nasce dalle difficoltà. Che senza crisi non
c'è sfida e senza sfida la vita è routine, una lenta agonia e che senza
nativita.jpgcrisi non c'è merito. Spesso la vera tragedia di una crisi è
quella di non volere lottare per superarla ".
Nel segno della speranza, tanti Auguri a tutti di Buon Natale e di sereno
Anno Nuovo.

Daniele Bosoni

1185 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Buoni pasto, MDC rilancia su defiscalizzazione: ‘Esenzione a 9 euro, in linea con gli altri Paesi UE’

Buoni pasto, MDC rilancia su defiscalizzazione: ‘Esenzione a 9 euro, in linea con gli altri Paesi UE’

Anche i buoni pasto entrano nella Manovra per il 2020. “L’idea di aumentare ad 8 euro l’esenzione per i buoni pasto elettronici ci trova del tutto favorevoli perché risponde a diverse esigenze: da una parte contribuisce ad aumentare il potere d’acquisto delle famiglie e riduce il cuneo fiscale per le imprese; dall’altra favorisce l’educazione alla moneta digitale nell’ottica della lotta all’evasione fiscale”