Sabato, 19 settembre 2020 - ore 23.06

No alla caccia con levrieri e altre razze di Gabriele Beccari (Cremona)

L'associazione Scooby Italia, coordinata da Silvia Conti di Olmeneta (CR), aderisce alla manifestazione "No alla caccia con levrieri e altre razze" promossa ogni anno dalla "Plataforma NAC" (associazione animalista spagnola), che organizza in tutta la Spagna cortei di protesta contro la caccia con i galgos (levrieri) e le altre razze.

| Scritto da Redazione
No alla caccia con levrieri e altre razze  di Gabriele Beccari (Cremona)

No alla caccia con levrieri e altre razze  di Gabriele Beccari (Cremona)

L'associazione Scooby Italia, coordinata da Silvia Conti di Olmeneta (CR), aderisce alla manifestazione "No alla caccia con levrieri e altre razze" promossa ogni anno dalla "Plataforma NAC" (associazione animalista spagnola), che organizza in tutta la Spagna cortei di protesta contro la caccia con i galgos (levrieri) e le altre razze.

Domenica 4 febbraio 2018 in 31 città spagnole più di 500 associazioni scenderanno nelle piazze per chiedere lo stop alla caccia e porre fine allo sfruttamento, all’abbandono e all’uccisione dei galgos e delle altre razze. La grande cifra di associazioni aderenti riflette il ripudio sociale ogni volta maggiore verso la caccia e il maltrattamento animale che ne consegue. Le manifestazioni di protesta si svolgeranno anche in Francia (Parigi, Digione e Lione), Germania (Colonia), Belgio, Olanda e Italia (Verona).

Scooby Italia sarà presente domenica 4 febbraio a Verona al corteo di protesta che partirà alle ore 12:00 dai giardini pubblici di Via Arsenale e terminerà in Piazza Bra/Arena. Tutti gli amanti degli animali di Cremona e provincia sono invitati a partecipare a questa importante manifestazione.

Febbraio segna la fine della stagione della caccia, quando s’intentifica l’abbandono e la mattanza dei galgos e di altre razze di cani. I rifugi spagnoli sono saturi di cani abbandonati che non riescono a trovare loro una casa in Spagna ed è per questo che molti devono trovare casa all’estero. Non si può continuare ad accettare che si impicchino i cani, si gettino nei pozzi o si abbandonino impunemente nel XXI secolo in un Paese cosiddetto sviluppato. Dobbiamo dare voce a chi non ce l’ha, dobbiamo essere uniti per lo stesso scopo. Più saremo, più il nostro grido di protesta si farà sentire: l’unione fa la forza!

Gabriele Beccari

 

 

839 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online