Martedì, 28 giugno 2022 - ore 05.34

Ohga : Il diritto al suicidio assistito in Italia esiste già

Qui si inserisce la proposta di referendum promossa dall'Associazione Coscioni: abrogare parte dell'articolo 579 del Codice Penale,

| Scritto da Redazione
Ohga : Il diritto al suicidio assistito in Italia esiste già

Ohga : Il diritto al suicidio assistito in Italia esiste già

 Ci sono milioni di persone che chiedono una legge sul fine vita in Italia. Ma stiamo parlando di un diritto che già esiste: "È stato riconosciuto dalla sentenza della Corte Costituzionale sulla vicenda Cappato-Dj Fabo che è applicabile a partire dal giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale". La pubblicazione di cui parla l'avvocato Francesca Re, è avvenuta il 27 novembre 2019.

 Antonio vive nelle Marche. Da ormai 18 mesi chiede di poter accedere al suicidio assistito, dopo aver preso atto che le sue condizioni sarebbero state irreversibili. Ha chiesto che ASUR Marche procedesse alla verifica delle condizioni richieste dalla Corte Costituzionale.

L'azienda sanitaria si è rifiutata. "L'articolo 120 della Costituzione prevede che il governo possa intervenire per garantire il rispetto dei diritti che le Regioni non stanno assicurando". Ma dalla politica non è arrivata alcuna risposta.

 Mario, invece, ha saputo che Asur Marche ha stabilito il farmaco letale che sarà utilizzato nel suo caso, il Tiopentone. "La validazione del farmaco e delle modalità di auto-somministrazione crea finalmente un precedente che consentirà a coloro che si trovano e si troveranno in una situazione simile a quella di Mario di ottenere l'aiuto alla morte volontaria senza dover più aspettare 18 mesi" ha commentato Marco Cappato.

 Il Parlamento invece è fermo. Prima di tutto perché ancora non sono state inserite delle scadenze, dei tempi certi entro i quali i diversi attori in gioco devono procedere con richieste e verifiche. “Un'altra discriminazione riguarda le persone che non sono in grado fisicamente di autosomministrarsi il farmaco e che avrebbero bisogno di un aiuto attivo da parte del medico. Se però un operatore sanitario interviene, rischia una denuncia per omicidio del consenziente".

E qui si inserisce la proposta di referendum promossa dall'Associazione Coscioni: abrogare parte dell'articolo 579 del Codice Penale, che disciplina appunto l'omicidio del consenziente.

 #ohga #ohgapeople #suicidioassistito #finevita #italia #associazionecoscioni #italia #legge #eutanasia #sanità #healt

511 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online