Giovedì, 19 maggio 2022 - ore 16.53

OMAGGIO GIORNATA DIALETTO E LINGUE LOCALI | Agostino Melega (CR)

Promossa dall’organismo nazionale rappresentativo delle Pro Loco, si svolge ogni anno il 17 di gennaio la Giornata del dialetto e delle lingue locali.

| Scritto da Redazione
OMAGGIO  GIORNATA DIALETTO E LINGUE LOCALI | Agostino Melega (CR)

OMAGGIO ALLA GIORNATA DEL DIALETTO E DELLE LINGUE LOCALI | Agostino Melega (CR)

Promossa dall’organismo nazionale rappresentativo delle Pro Loco, si svolge ogni anno il 17 di gennaio la Giornata del dialetto e delle lingue locali.  E questa era pure l’intenzione della Pro Loco di Pizzighettone, che mi ha invitato a predisporre una scaletta da proporre al pubblico della cittadina rivierasca per tale occasione. Purtroppo l’imperversare dell’invisibile mostriciattolo pandemico ha fatto saltare l’appuntamento, ma non certamente il desiderio di celebrare comunque tale ricorrenza.  Per questo motivo invio a Welfare Cremona il canovaccio che avrei usato in un salone delle vecchie mura pizzighettonesi. Avrei iniziato con la lettura di una poesia di PIERLUIGI LANZONI, poeta e presidente per molti anni del Gruppo dialettale “El Zàch” di Cremona. Questa:

 

CHÉLE VÙUS CHE S’IMPÌSA 

Chèle vùus

che s’impìsa

a Cremùna,

chèle vùus

che a Cremùna

s’impìsa

e se smòorsa

e de fòorsa

le càanta

e d’amóor

a Cremùna

in dialèt,

chèl parlàa

puarèt

che ‘l delèegua

el to cóor

da la mòorsa

de’l frèt,

chèle vùus

inturciàade

de stràade

e de piàse,

chèle vùus

d’i paées

chèle vùus

màai pàse

e che scavàalca

le sées

che de fiùur

gh’à ‘l udùur

e’l prüföm,

che le pàarla

d’i tèemp

de la löm

e d’incóo

tà’me gnèent

tà’me póol

chi vóol bèen

a la gèent

d’i so téc,

chèle vùus

che descùr

d’i so véc

che le cùr

a piàa

chèst e chèl,

che desquàarcia

ghignèent

i difèt

e i perché

de la gèent

de ste bàande,

chèle vùus

gràande

de fiàat

e de cóor

e màai mòorte

che tóos

àan el bùf

sa se vóol,

che scancéla

le smòorte

parlàade

d’incóo,

chèle vùus,

sèemper próonte,

rösteghe àan

o àan de cità,

tegnìivele

a tàch:

j è vùus

sèemper ciàare

che brüüza

‘me zàch

chèle vùus

che s’impìsa

e se smòorsa

a Cremùna

tra n’uciàada

a’l Turàs

o ‘n sgagnòon

de patùna.

 

Leggi tutto apri qui 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

627 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online