Domenica, 22 maggio 2022 - ore 03.44

PASIÒON , Incantesimo del Venerdì Santo… poesia in dialetto cremonese di Gentilia Ardigò di Casalbuttano

Incantesimo del Venerdì Santo… preludio alla Resurrezione e all’esplosione della primavera

| Scritto da Redazione
PASIÒON , Incantesimo del Venerdì Santo… poesia in dialetto cremonese di Gentilia Ardigò di Casalbuttano

PASIÒON , Incantesimo del Venerdì Santo… poesia in dialetto cremonese di Gentilia Ardigò di Casalbuttano

Venerdì Santo : quale momento per una comune meditazione, trasmetto per pubblicazione una poesia della maestra Gentilia Ardigò di Casalbuttano, da poco tempo venuta meno, che ho avuto il piacere di conoscere e di stimare.

Ho tratto la lirica dalle pagine di “Nòostre Nóoe (Nostre Nuove)”, Anno IV -N.1- Aprile 1990, periodico del Gruppo Dialettale Cremonese “El Zàch”.

Melega Agostino (Cremona)

PASIÒON

(Incantesimo del Venerdì Santo… preludio alla Resurrezione e all’esplosione della primavera).

‘L è ‘l Venerdé Sàant.

Vàardi li gùsi che cùr šó de i véeder,

li scùulti a bàter en sö ‘l tecèt

lé fóora:

li bàt, li bàt…

li cùr, li cùr…

Perché li vàardi?

Perché li scùulti

e dèent me piàans el cùur?

‘Se saràala ste malincunìa

che me péeša ‘ntùurnu?

La càaša frèda,

li piàanti slùsi,

el céel de piùmp,

j ušéi che tàas.

Ma béef la tèra néegra

che gh’ìiva tàanta séet,

se gùunfia i böt e li sumèensi,

rinàs la vìta.

                      L’è ‘l Venerdé Sàant:

                      se balcarà de pióoer,

                      staséera en prucesiòon

                      i pòorta el Signùur mòort. 

                      Cuš’éela ste pasiòon

                      se dumàan sunarà a féesta

                      li campàani de la risüresiòon?

 

 PASSIONE. E’ il Venerdì Santo./ Guardo le gocce che corrono giù dai vetri,/ le ascolto a battere sul tettuccio/ lì fuori:/ battono, battono…/ corrono, corrono…/ Perché le guardo?/ Perché le ascolto/ e dentro mi piange il cuore?/ Cosa sarà questa malinconia/ che mi pesa attorno?/ La casa fredda,/ le piante fradice,/ il cielo di piombo,/ gli uccelli che tacciono./ Ma beve la terra negra/ che aveva tanta sete,/ si gonfiano i germogli e le sementi,/ rinasce la vita./ E’ il Venerdì Santo:/ smetterà di piovere,/ stasera in processione/ rendono le onoranze al Signore morto./ Cos’è questa passione/ se domani suoneranno a festa/ le campane della risurrezione?

1261 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online