Sabato, 26 settembre 2020 - ore 23.17

Caro Michelangelo ti voglio augurare Buona Pasqua lo stesso | Agostino Melega

Ciao Mìche, anch’io ti terrò sempre nel mio cuore, con riverente pensiero

| Scritto da Redazione
Caro Michelangelo  ti voglio augurare  Buona Pasqua lo stesso | Agostino Melega

Caro Michelangelo  ti voglio augurare  Buona Pasqua lo stesso | Agostino Melega

Caro Direttore, la signora Silvia Baggio, abitante in via Flaminia a Cremona,  mi ha chiesto di trascrivere, secondo i canoni del Dizionario del Dialetto Cremonese del 1976, un ricordo affettuoso che lei ha elaborato in omaggio al caro Michelangelo Gazzoni, il mitico Mìche, popolarissimo fra i tifosi della beneamata squadra grigiorossa di calcio e tra gli amatori del vernacolo locale, e vittima recente del morbo assassino.

 Ho svolto quanto mi è stato richiesto con molto piacere e commozione, in ricordo della decina d’anni nei quali ho vissuto a Cremona da vicino di casa di Mìche, in periferia, nella stessa palazzina in via Bergamo 55/b, di fronte allo stabilimento “Cremona Nuova”, poco distante dalla frazione del Migliaro. Altrettanto non potrò dimenticare l’aiuto che egli mi ha sempre dato, durante le mie ricerche folkloriche e vernacolari, nella traduzione in italiano di parole dialettali cremonesi desuete ed arcaiche. Ciao Mìche, anch’io ti terrò sempre nel mio cuore, con riverente pensiero!

Ed ecco le vibrazioni poetiche della signora Silvia, la quale mi ha chiesto pure d’inviarle “a’l giurnàal (al giornale)”, ossia al quotidiano di Cremona “La Provincia”, cosa che ho puntualmente fatto. Ho pensato pure d'inviare questo ricordo a te e ai lettori di Welfare Network:

Càar el me càar Michelàangelo,

j augüüri de Pàasqua te vóori fàa,

e perdùneme j erùur che te pódet truàa.

Gh’òo fàt le scóole bàse,

gh’òo imparàat a fàa le àaste,

i circulìin e i quadrèt,

ma nisöön m’àa insegnàat

a scrìver in dialèt.

Istàn te sarèet mìia insée Pòo

cun la bàarca a remàa,

fìn a Branséeri e póder rivàa

a mangiàa óof cót, grügnòos,

fritàade de luertìs,

ma te mangiarèet

el pàan d’òor de’l Paradìis.

Càar el me càar Michelàangelo,

cu’l Coróona vìirus a Cremùna,

gh’è gèent che sa mìia cùša mangiàa…

Bàando, adès, a la malincunìa:

augüüri e Bùna Pàasqua

 per töti sìa.

Caro il mio caro Michelangelo,/ gli auguri di Pasqua ti voglio fare,/ e perdonami gli errori che puoi trovare./ Ho fatto i primi anni di scuola elementare,/ ho imparato a fare le aste,/ i piccoli cerchi e i quadretti,/ ma nessuno mi ha insegnato a scrivere in dialetto./ Quest’anno (tu) non sarai sul Po/ con la barca a remare,/ fino a Brancere e poter arrivare/ a mangiare uova cotte, radicchi di campo,/ frittate di asparagi selvatici,/ ma tu mangerai il pane d’oro del Paradiso./ Caro il mio caro Michelangelo,/ col Corona virus a Cremona,/ c’è gente che non sa cosa mangiare…/ Bando, adesso, alla malinconia:/ auguri a Buona Pasqua/ per tutti sia//.

 

 

 

 

662 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online