Sabato, 22 febbraio 2020 - ore 20.09

Pulizia Stufa a Pellet: tutti i consigli utili

Prontoriparazioni.it offre dei consigli preziosi per mantenere la stufa a pellet sempre performante e sicura.

| Scritto da Redazione
Pulizia Stufa a Pellet: tutti i consigli utili

Hai deciso di pulire la tua Stufa a Pellet ma non hai idea di come farlo?

In questo articolo ti illustreremo tutti i passaggi per iniziare una corretta manutenzione.

Una delle domande più frequenti, prima o dopo l’acquisto di una stufa a pellet, riguarda proprio la sua manutenzione: la cadenza e come pulirla nella maniera più appropriata. Spesso, eseguendola correttamente, si potrà evitare di rivolgersi all’intervento di tecnici specializzati.

Primo risultato? Il risparmio, ovviamente. Non meno importante, la sicurezza. A seguire, si prolungherà la vita al dispositivo prevenendo guasti e malfunzionamenti.

Pulizia stufa a pellet: perché pulirla e come capirlo

Oltre ai motivi sopracitati, ci preme specificare che una corretta pulizia ordinaria della stufa a pellet ci dà l’opportunità, prima di tutto, di aumentare l’igiene e la salubrità dei nostri ambienti domestici. Per capire che la tua stufa a pellet necessita di un intervento tempestivo di pulizia, sarà sufficiente fare attenzione alla combustione: il campanello d’allarme sarà la crescita esponenziale dei residui. Quando ne aumenta la quantità, dovrai adoperarti per la pulizia del dispositivo. Un altro indicatore utile è rappresentato dal vetro della camera di combustione: una volta che il vetro inizia a sporcarsi con assiduità è necessario un intervento di pulizia.

Ribadite questa premesse necessarie, procediamo con la nostra preziosa guida alla pulizia della stufa a pellet.

Pulizia stufa a pellet: ordinaria

La pulizia della stufa a pellet ordinaria è davvero rapida e semplicissima. Consta, essenzialmente, di due attività:

• Pulire l’interno della stufa;

• Pulire il vetro.

Nel primo caso, bisogna assicurarsi svuotare la vaschetta della cenere, ogni volta che si riempie e procedere, quotidianamente, alla pulizia del braciere. Il modo più pratico e corretto per farlo è attraverso l’impiego del bidone aspiracenere: un elettrodomestico concepito proprio per la pulizia di questi dispositivi, con il quale potrai aspirare la cenere senza disperderla nell’ambiente. La cenere asportata anzi, può essere correttamente smaltita attraverso la raccolta differenziata: è destinata alla frazione dell’umido o, in alternativa, può essere utilizzata come ottimo fertilizzante.

Per la pulizia del vetro, invece, basterà servirsi di un panno asciutto. Al massimo, nella parte interna, si potrebbe usufruire di un pennello per rimuovere la cenere in eccesso.

Pulizia stufa a pellet: straordinaria

La pulizia straordinaria della stufa a pellet, al contrario, presenta passaggi più complessi. Per questo motivo, in questi casi, è consigliabile rivolgersi all’ausilio di un tecnico professionista. Le mansioni principali della manutenzione straordinaria vertono su 3 procedimenti:

• la pulizia della camera degli scambiatori, da effettuare una volta al mese;

• la pulizia del condotto della cenere, una volta l’anno;

• la pulizia dei condotti di scarico dei gas e la canna fumaria, da effettuare una volta all’anno.

Per la pulizia della camera degli scambiatori è opportuno estrarre il braciere in ghisa, dopo averlo fatto sarà possibile aspirare tutte le impurità, come fuliggine e cenere.

La pulizia del condotto della cenere, invece, è appunto un processo da eseguire annualmente. L’obiettivo è evitare che si ostruisca, o nel caso in cui lo sia, liberarlo completamente. Solo così il passaggio dei fumi non verrà ostacolato.

L’ultimo passaggio, ovvero la pulizia della canna fumaria, è quello che più di tutti richiede l’intervento di un personale specializzato che dispongono di una regolare certificazione e non si potrà procedere, in alcun modo, in autonomia.

In conclusione, alcuni modelli di stufe a pellet sono dotati di una funzione di pulizia automatica, denominata “Funzione pulizia stufa”. Tuttavia, eseguire una pulizia manuale si rivela comunque un’operazione fondamentale al fine di controllare personalmente lo stato dell’impianto.

In ogni caso, la prima cosa da fare per aver cura della tua stufa a pellet è acquistare e utilizzare soltanto pellet di qualità e dotati di certificazione. Non badare al risparmio in queste situazioni, vai sul sicuro.

 

 

 

FONTE COMUNICATI-STAMPA.NET

222 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online