Giovedì, 06 agosto 2020 - ore 18.27

Rosita Viola risponde alle opposizioni : Azienda Cremona Solidale non sarà trasformata in Fondazione. Le rette aumenteranno di 2,10 euro al dì ma è necessario.

Nella commissione welfare dello scorso lunedì 20 gennaio le opposizioni passano all’attacco sostenendo che il caro-rette ( aumento di 2,10 euro al giorno per il 2020 ) sia imputabile al fatto che Cremona Solidale, in quanto azienda speciale del comune, abbia più costi sia per tasse che personale di una Fondazione.

| Scritto da Redazione
Rosita Viola risponde alle opposizioni : Azienda Cremona Solidale non sarà trasformata in Fondazione. Le rette aumenteranno di 2,10 euro al dì ma è necessario. Rosita Viola risponde alle opposizioni : Azienda Cremona Solidale non sarà trasformata in Fondazione. Le rette aumenteranno di 2,10 euro al dì ma è necessario.

Rosita Viola risponde alle opposizioni : Azienda Cremona Solidale non sarà trasformata in Fondazione. Le rette aumenteranno di 2,10 euro al dì ma è necessario.

Nella commissione welfare dello scorso lunedì 20 gennaio le opposizioni passano all’attacco sostenendo che il caro-rette ( aumento di 2,10 euro al giorno per il 2020 ) sia imputabile al fatto che Cremona Solidale, in quanto azienda speciale del comune, abbia più costi  sia per tasse che personale di una Fondazione.

La minoranza non resiste, ed a dispetto dei numeri, rilancia la richiesta  di trasformare ACS in Fondazione.

E’ Marcello Ventura (Fratelli d’Italia ) che parte per primo all’attacco sostenendo che “Si scaricano sugli ospiti le conseguenze di una gestione assai meno strutturata di quella a suo tempo garantita dalla giunta Perri, capace di portare  Cremona Solidale da un passivo di 900 mila euro ad un attivo di 300.000. Non ho sentito dire nulla sulla piaga dell’assenteismo tra il personale, ‘compensata ’da un costoso ricorso al lavoro interinale. Con il passaggio alla Fondazione che, da solo, taglierebbe 40.000 euro di tasse”.

Su questa linea si schierano anche la leghista Simona Sommi e l’esponente del M5S Luca Nolli anche se “ Il servizio assicurato dall’azienda è molto buono”.

Lapo Pasquetti (Sinistra per Cremona- Energia Civile)  intervenendo ha evidenziato come “le rette di altre strutture che sono Fondazioni sono più alte da quelle di ACS”. “ Le difficoltà economiche sono derivanti dal fatto che la Regione Lombardia (guidata dal centro destra)  non riconosce un incremento dei contributi per la parte sanitaria” Inoltre nelle Fondazioni si applicano contratti che sicuramente hanno una minore protezione per i diritti dei lavoratori”.

L’Assessore al Welfare  Rosita Viola  ha ricordato il documento di aggiornamento delle linee fissate nel 2015, è stato  presentato nel marzo scorso anche per illustrare alcuni mutamenti di scenario. Fermo restando che sul lavoro di questi anni le opinioni – con l’opposizione- restano divergenti. Quanto all’ipotesi di trasformare ACS in Fondazione, la stessa giunta Perri ne fece oggetto di uno studio finito nel nulla. Quella della Fondazione (con il cambio di stato giuridico e del contratto del personale) è una prospettiva non contemplata per diverse ragioni dal programma della giunta Galimberti, e che — dati provinciali alla mano —non garantisce rette inferiori a quelle di Cremona Solidale.

Sono intervenuti molti esponenti della maggioranza quali Paola Ruggeri (art.1) ,Fabiola Barcellari (Pd) ,il dott. Merli ed il dott. Villani che hanno espresso un “ giudizio positivo sulle proposte di bilancio 2020 che prevedono , purtroppo, un incremento inevitabile  delle rette  di 2,10 euro al giorno”.

Il problema , ha sottolineato la maggioranza , è che la Regione Lombardia non adegua- da 11 anni- il contributo agli enti gestori  e che quindi la strada da percorrere resta quella del pressing  su la Giunta  di  Regione Lombardia per ottenere l’incremento dovuto.

Le voci che erano state rilanciate da Cremona Oggi si sono mostrate quindi vere per l'opposizione , mentre la maggioranza di centro sinistra conferma la linea dell mantenimento di Azienda Cremona Solidale come aziemda speciale del comune con l'applicazione dei due contratti pubblici di sanità ed enti locali.

Red/welcr/gcst

 

1793 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online