Mercoledì, 03 marzo 2021 - ore 06.13

Quando miagolano i leoni

| Scritto da Redazione
Quando miagolano i leoni

Berlusconi ha sfidato la tana dei leoni, censurando a monte le domande imbarazzanti, riservandosi la sorpresa della letterina anti-Travaglio; quindi la tiritera ormai diventata una filastrocca ripetitiva, nella speranza che le menzogne ripetute possano assurgere a verità.

Un premier non può fare decreti legge” ha affermato per sostenere la sua antica aspirazione a stravolgere la Costituzione, ma dimentica o non vuol fare ricordare, che negli ultimi quattro anni i suoi governi   di decreti legge ne hanno fatti ben 80 (ottanta).

Per votare una legge passano non meno di 900 (novecento)  giorni “, trascurando come in soli tre giorni venne presentato, votato e approvato Il “lodo Al Fano, che ha bloccato i processi, successivamente caduti in prescrizione

Quindi l’affondo contro Travaglio, definito “diffamatore professionista”, definizione che odora (o puzza) da lontano  della penna di Ghedini, l’inventore di definizioni, come quella dell’ “utilizzatore finale”; alle rimostranze di Santoro se ne è lavato le mani sostenendo “Così mi hanno scritto”, per cui la responsabilità ricade sui redattori dei suoi papelli. Anche in questo caso ha dimenticato o non voleva che si ricordasse che di diffamatori professionisti sono pieni i suoi giornali, con tanto di condanne che hanno arricchito Di Pietro, vincitore di parecchie querele, per non parlare di Sallusti, condannato alla galera in quanto recidivo nelle diffamazioni, e come non ricordare Feltri e il suo “metodo  Boffo”, per il quale è stato anche sospeso dall’ordine dei giornalisti.

Mi ha deluso Santoro che non lo identifico come San Toro perché sarebbe troppo lusinghiero; in realtà ci hanno fatto assistere ad un miagolio insistente e inconcludente che, chiaramente,  mirava allo share  che prometteva il record di ascolti. Così è stata concordata una intervista approvata a-priori, senza quelle domande che ci saremmo aspettati . Berlusconi non ha vinto proprio nulla, perché ha ripetuto alla nausea le stesse frasi con le quali sta annoiando l’intera Italia. Santoro ha guadagnato lo share ma ha perduto in professionalità, dimostrando che i compromessi fanno parte integrante dei retroscena dell’attuale politica.

Un dignitoso miao al giornalista San Toro.

Rosario Amico Roxas

860 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria