Sabato, 18 settembre 2021 - ore 16.20

Quello alla salute è ancora un diritto? | Uisp

Sportpertutti, terzo settore e regioni per nuovi stili di vita attivi: le proposte dell’Uisp nel workshop nazionale di Orvieto

| Scritto da Redazione
Quello alla salute è ancora un diritto? | Uisp

Orvieto Centro Congressi Palazzo del Capitano del Popolo il 21 ottobre 2014 dalle ore 9.30-17.30. Lo sportpertutti come strategia per “Stili di vita & salute”: è questo il titolo del workshop nazionale che si terrà il 21 ottobre a Orvieto (Centro Congressi Palazzo del Capitano del Popolo, in Piazza del popolo), nell’ambito della III manifestazione nazionale di “Guadagnare salute”, che si terrà nella cittadina umbra il 22 e 23 ottobre.

L’organizzazione è curata dall’Uisp, una delle maggiori associazioni italiane che si occupa di attività motoria e sportiva, insieme alla Regione Umbria e al Comune di Orvieto. Parteciperanno esperti del ministero della Salute, sindaci, associazioni nazionali come Save the Children e rappresentanti delle regioni Toscana, Marche, Lazio, Campania, Umbria.

Verranno presentate alcune delle migliori esperienze promosse a livello territoriale dirette ai bambini, alle famiglie, agli adulti e alle persone anziane. L’obiettivo è quello di proporre un nuovo modello di policy capace di coinvolgere tutti i soggetti in campo, dalle istituzioni alle organizzazioni sociali, per fare rete e rilanciare la sostenibilità del diritto alla salute.

La scelta di tenere un convegno di questo tipo a Orvieto non è casuale: verrà presentato infatti un inedito Protocollo d’intesa tra la Regione Umbria e il Comitato regionale Uisp Umbria, per realizzare un programma di collaborazione su temi quali la promozione di stili di vita attivi, il contrasto alla sedentarietà, il sovrappeso e l'obesità. In questa stessa sede verrà presentata una lettera di intenti tra Uisp e Regione Toscana, con le medesime finalità.

Il convegno inizierà alle 9.30 e terminerà alle 17.15. I lavori sono divisi in quattro sessioni: 1. Bambini, ragazzi e famiglie, 2. La salute mentale come diritto per tutti i cittadini; 3. Adulti e anziani; 4. Una rete tra le reti.

La riflessione conclusiva sarà affidata ad una tavola rotonda dal titolo “Una policy per quale salute?”, a cui prenderanno parte Carla Casciari, vice presidente Regione Umbria e assessore Welfare e Istruzione; Rosa D’Amelio, presidente Commissione consiliare politiche giovanili, disagio sociale e occupazione della Regione Campania; Giuseppe Germani, Sindaco di Orvieto; Almerino Mezzolani, assessore alla Salute Regione Marche; Stefania Saccardi, vice presidente Regione Toscana e assessore Welfare, politiche per la casa, integrazione socio-sanitaria; Nicola Sanna, Sindaco di Sassari; Rita Visini, assessore Politiche sociali e sport Regione Lazio; Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp. La tavola rotonda sarà coordinata da Erika Baglivo, redattrice del TGR Rai Perugia.

Sarà possibile seguire i lavori in diretta video-streaming su www.uisp.it grazie a due finestre, dalle 10 e dalle 16. Oppure su Facebook e Twitter con l’hastag #Dirittiallasalute.

Perché questo convegno di Orvieto è originale e unico nel suo genere?

L’obiettivo è quello di mostrare come istituzioni e privato sociale possono cooperare e realizzare buone pratiche in varie città, in ambito salute e prevenzione. Questo significa innovare e sperimentare nuovi modelli di welfare, partendo dal territorio. Nel corso del workshop di Orvieto verranno presentati i dati della sedentarietà in Italia (fonte: Passi).

Le relazioni saranno esposte dagli stakeholder istituzionali coinvolti negli interventi, in modo da garantire una narrazione esterna, capace di leggere le esperienze senza la lente dell’appartenenza associativa.

 

901 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica. In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022 L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica.