Domenica, 21 luglio 2019 - ore 04.30

Resoconto del progetto www.unpoxexpo2015.org, fondato nel gennaio 2011

Siamo stati testimoni di un grande successo di Expo Milano 2015, da #expottimisti. Sito, padiglioni, eventi hanno svolto la funzione di attrazione, di coinvolgimento e di servizio che si erano prefissati gli organizzatori

| Scritto da Redazione
Resoconto del progetto www.unpoxexpo2015.org, fondato nel gennaio 2011

Bravi Sala e Martina che hanno recuperato il tempo perso e puntato a un obiettivo. Si è dato prova e immagine positiva del Bel Paese. Forse “UN” Expo concentrato sull’area milanese e dintorni, sulla città metropolitana e luoghi noti limitrofi. Fatturati top per chi ha fatto ristorazione in Expo, trasformando un tema vitale e culturale, in un grande market dei ristoranti  con contorno luna-park e movida. Più italiani di quanto previsto, ma meno stranieri (-2,5 mil): 21,5 milioni e oltre i ticket di ingresso, quindi quasi il pareggio di bilancio ipotizzato. Le criticità raccolte parlano di eccesso referenzialità politica, di carenza di posti di sosta senza pagare, di ticket scontati negli ultimi 60 giorni per fare cassa, prezzi degli alberghi cresciuti, assenza di una promocommercializzazione turistica nazionale, totale mancanza di pubblicità mirata all’estero. I dati raccolti   con diversi partner esterni a Expo, segnalano un grande utilizzo del metrò, auto private e pullman per gruppi e scuole; molto bene l’uso dei treni Lombardi, bene anche Trenitalia che realizzano percentuali di incremento notevoli. I flussi fuoriExpo, pochi o tanti, si sono concentrati in Milano (50.000 eventi),nelle grandi e note città d’arte; molto meno bene per le città e luoghi medi e mediocri. Il sondaggio segnala una casualità di arrivo nei piccoli borghi di campagna alla ricerca del particolare, qualche ricerca specifica tramite internet verso i siti Unesco. I territori produttivi agroalimentari , soprattutto del nord Italia, si lamentano per essere stati  dimenticati. L’eredità di Expo 2015 è molto difficile, non tanto per la destinazione dei padiglioni dismessi e per l’area attrezzata, quanto per tutte le attività che dovrebbero ruotare attorno alla nutrizione sana, alla diffusione di una cultura del mangiare bene e il giusto, all’uso del terreno agrario, a come allevare sul Pianeta, come organizzare una filiera vegetale-animale che dia garanzia di una alimentazione per tutti. Lanciamo una proposta: perché il Governo italiano non mette a disposizione un fondo economico speciale (ricavato dai surplus delle transazioni immobiliari del Sito, dai ristorni delle vendite commerciali dentro il sito che ammontano a oltre 600 milioni euro……) in sintonia con i progetti dell’Agenda ItaliaxExpo (dimenticata) da assegnare ai territori produttivi che propongono progetti sui temi-Expo, ma orientati alla crescita occupazionale del  Paese. Noi proporremo  il fiume e la Valle del Po come una forte destinazione turistica alternativa a quelle già presenti in Europa e nel Mondo: un Meta-distretto turistico di paesaggio culturale agroalimentare enogastronomico in grado di mettere in fila  attrazioni leader mondiali. Il fiume PO deve diventare il 9^ distretto fluviale europeo riconosciuto, ma dedicato, non alla sola navigazione,  alla biodiversità e biosfera produttiva, ambientale, umana.

Giampietro Comolli   

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

976 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online