Giovedì, 20 giugno 2024 - ore 10.56

Rif.Com. Como Qualcosa dobbiamo far succedere

All’indomani dell’incredibile sentenza di assoluzione verso i 13 di Veneto fronte skinheads responsabili irruzione alla riunione della rete Como senza frontiere...

| Scritto da Redazione
Rif.Com. Como Qualcosa dobbiamo far succedere

Rif.Com. Como Qualcosa dobbiamo far succedere

All’indomani dell’incredibile sentenza di assoluzione emessa dalla seconda sezione penale della Corte d’Appello di Milano verso i 13 di Veneto fronte skinheads responsabili dell’irruzione alla riunione della rete Como senza frontiere avvenuta il 28 novembre 2017 perché «il fatto non sussiste», avevamo commentato che per la Corte d’Appello «Non è successo niente»!

Da parte nostra, invece, qualcosa dobbiamo far succedere.

Si tratta non solo di fare in modo che tutte le voci democratiche alzino forte la loro voce per esprimere la propria contrarietà e preoccupazione contro questa indifferenza nei confronti del fascismo e del razzismo nuovi e vecchi, ma soprattutto di continuare l’impegno per l’affermazione universale dei diritti (tra cui quelli delle persone migranti).

Per continuare a lavorare in questa direzione, abbiamo organizzato un incontro di approfondimento per domenica 23 aprile 2023 dalle ore 10.00 alle 12.00, allo Spazio Gloria di Como, via Varesina 72, in cui abbiamo chiesto a Saverio Ferrari (responsabile dell’Osservatorio democratico sulle nuove destre) e a Raffaele Mantegazza (educatore e docente all’Università di Milano-Bicocca) di riflettere insieme a noi su quello che è accaduto e su quello che dobbiamo fare.

A tutte le realtà democratiche, a tutte le persone chiediamo di rispondere ai tentativi di intimidazione e al prevalere dell’indifferenza, di contribuire a mettere a punto nuove idee e nuove strategie di intervento, di partecipare alla costruzione di un “nuovo mondo possibile”.

Sul Monumento alla Resistenza Europea, inaugurato nella Città di Como giusto quarant’anni fa, la frase che rappresenta l’Italia è di Pier Amato Perretta, magistrato perseguitato e ucciso dal fascismo, comasco di adozione: «Questa tremenda esperienza avrà giovato a qualche cosa? S’impone una rieducazione profonda e costante, altrimenti nemmeno questa lezione servirà».

Como senza frontiere

 Aderiscono alla rete Como senza frontiere: Aifo Como, Anpi Monguzzo, Anpi provinciale Como, Arci Como, Arci-ecoinformazioni, Arci Spop, Associazione artistica Teatro Orizzonti inclinati, Associazione Culturale Territori-Natura Arte Cultura, Associazione Migrante Como-Milano, Associazione Par Tüc, Associazione Luminanda, Baule dei suoni, Cgil Como, Comitato comasco antifascista, Comitato Como Possibile Margherita Hack, Como accoglie, Como Comune, Cooperativa Garabombo, Coordinamento comasco per la Pace, Donne in nero Como, Emergency Como, +Europa Lario, Giovani comunisti Como, I Bambini di Ornella, L’altra Europa Como, L’isola che c’è, Libera Como, Medici con l’Africa Como, Missionari comboniani di Como e Venegono, Potere al Popolo Como e provincia, Prc/Se provinciale Como, Scuola di italiano di Rebbio, Sinistra Italiana Como, Unione degli studenti Como, Unione Popolare Como, Volontari della Parrocchia di Rebbio, tante e tanti altri.

 -

Ufficio stampa

Partito della Rifondazione Comunista Lombardia

 



 

 

 

576 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online