Martedì, 27 luglio 2021 - ore 01.29

Romania 1 Marzo : una festa che unisce i popoli europei | Marco Baratto

Il 1 Marzo è una ricorrenza molto sentita in Romania, Repubblica Moldova, Bulgaria, Macedonia del Nord e anche in Grecia.

| Scritto da Redazione
Romania 1 Marzo : una festa che unisce i popoli europei | Marco Baratto

Romania 1 Marzo : una festa che unisce i popoli europei | Marco Baratto

Il 1 Marzo è una ricorrenza molto sentita in Romania, Repubblica Moldova, Bulgaria, Macedonia del Nord e anche in Grecia.  Si celebra  attraverso la confezione di un piccolo fiocchetto a forma di otto con dei fili bianchi e rossi, di canapa o lana (più tardi di cotone). I colori del martisor rappresentano la vita e l’essenza stessa della forza che da essa scaturisce e al contempo, oggi, un augurio che gli uomini fanno alle donne per una primavera ed un anno ricco di fortuna. Mi piace interpretarlo anche come un simbolo della vita che si rinnova, che trova forza per riprendersi dopo la stagione dell’inverno.

Tale usanza, sicuramente anteriore all'arrivo dei Romani e che trovava la sua orgine in antiche tradizioni daco/trace

Nell'antica Roma in questo particolare momento dell’anno si celebravano  i Matronalia in onore di Giunone  Lucina. Ed era tradizione che gli uomini recassero doni alle proprie moglie e madri. Infatti le "Matronalia" celebravano la centralità delle donne ed il loro ruolo assunto nella pace tra Romolo e Tito Tazio. Il successivo collegamento di questa festa con il culto di Giunone protettrice delle nascite, trasformò la festività nella celebrazione delle nascite. Il tutto forse anche legato ai cicli della terra che si apprestava ad essere seminata e far germogliare il raccolto.

Sempre il 1 marzo era, prima delle riforma, il primo giorno dell'anno da qui il fatto che "ottobre" "novembre" e "dicembre" conservino nei loro nomi il fatto di essere l'ottavo il nono e il decimo mese

Anche i Popoli veneti e la Serenissima Repubblica di San Marco sino che rimase in vita usavano accanto al calendario gregoriano celebrare con un proprio calendario (more veneto) il 1 Marzo come primo giorno dell’ anno. Nella repubblica veneta gli atti ufficiali contenevano sia la data secondo il calendario gregoriano sia quella secondo il calendario veneto.

Mi è sembrato interessante ricordare questa concomitanza di usanze per sottolineare, ancora una volta, come in una società cosi diversa e per certi versi sempre più interdipendente si possano trovare elementi che uniscono i popoli, le culture e le religioni.  Esiste infatti, un Europa dei popoli un Europa delle tradizioni che seppur lontane geograficamente uniscono i popoli . Forse è a questa Europa dello spirito che forse dovremmo guardare per capire la centralità della nostra storia .

Inoltre, speriamo che sia di auspicio per la ripresa demografica dell'Europa.

Marco Baratto

Un amico del popolo romeno

850 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online