Giovedì, 12 dicembre 2019 - ore 16.42

Roseghini (rif.com).Berlusconi aggrava la crisi.

| Scritto da Redazione
Roseghini (rif.com).Berlusconi aggrava la crisi.

Roseghini (rif.com).Berlusconi aggrava la crisi. Ascolta
Abbiamo chiesto a Giancarlo Roseghini ( segretario provinciale di Rifondazione Comunista che aderisce alla Federazione della Sinistra) un giudizio sulla crisi economica e sul governo Berlusconi.
Il  giudizio è netto e senza appello: Berlusconi aggrava la crisi.
A cura di Gian Carlo Storti
www.welfarecremona.it
Cremona 3 agosto 2011

Le 5 proposte  di Rifondazione contro la speculazione
1.  Gli  Stati possono proibire  le  "vendite  allo  scoperto. La Germania lo ha fatto.    Perché  l'Italia  non  lo  fa?
2. La Banca Centrale Europea - diversamente dalla Federal Reserve negli Usa - non può acquistare i titoli del debito pubblico direttamente dagli stati membri. Se potesse farlo verrebbe a mancare la possibilità di speculare sui titoli, lucrando sui tassi di interesse. Si decida che la BCE acquisti al tasso di interesse ufficiale dell'1,5% i titoli degli stati sottoposti ad attacchi speculativi. Se in Grecia si fosse intervenuti subito in questo modo la situazione sarebbe stata del tutto sostenibile.
3. Si introduca immediatamente una tassa dello 0,05 sulle transazioni finanziarie. E' una tassa che colpirebbe solo gli speculatori cioè chi fa compravendita di titoli in brevissimo tempo per lucrare sulle oscillazioni dei prezzi.
4. Si varino norme per impedire alle banche di tenere "fuori bilancio" i derivati.
5. Se queste misure non dovessero bastare l'Italia deve ristrutturare il debito, garantendo per intero i piccoli risparmiatori e allungando unilateralmente i tempi di restituzione e le cifre da restituire alle grandi finanziarie, cioè agli speculatori. Anche se nessuno ne parla, l'Islanda lo ha fatto con ottimi risultati.

Per ascoltare la conversazione clicca qui:

 

1552 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona)  A che punto siamo  con il confronto con il Governo sulla Scuola?

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona) A che punto siamo con il confronto con il Governo sulla Scuola?

In questa breve telefonata Laura Valenti, segretaria generale FLC-Cgil Cremona) fa il punto della situazione del confronto con il governo a seguito della revoca dello sciopero del 17 maggio indicando i problemi aperti: No alla regionalizzazione del sistema istruzione, questione dei precari e ulteriori risorse economiche da garantire al personale di ogni ordine e grado