Venerdì, 26 febbraio 2021 - ore 05.21

Scuola BOCCI (PD): A FONTANA NON IMPORTA NULLA DEGLI STUDENTI. UNA VERGOGNA

Regione Lombardia poteva fare molto per i suoi studenti, soprattutto creando le condizioni per garantire loro la sicurezza per un rientro a scuola almeno al 50 per cento.

| Scritto da Redazione
Scuola BOCCI (PD): A FONTANA NON IMPORTA NULLA DEGLI STUDENTI. UNA VERGOGNA

Scuola BOCCI (PD): GIUNTA FONTANA NON IMPORTA NULLA DEGLI STUDENTI. UNA VERGOGNA

“Regione Lombardia poteva fare molto per i suoi studenti, soprattutto creando le condizioni per garantire loro la sicurezza per un rientro a scuola almeno al 50 per cento.

Ma la Giunta non ritiene la scuola un servizio essenziale e non fa quel che deve per tenerla aperta. Se i ragazzi delle superiori continueranno a stare in didattica a distanza, dovranno ringraziare Fontana e il centrodestra, che, bocciando la nostra mozione, non vogliono impegnarsi”, è duro il commento di Paola Bocci, consigliera regionale del Pd, dopo la discussione della sua mozione sul ‘Ritorno alla didattica in presenza nelle scuole secondarie di secondo grado’, trattata questo pomeriggio in consiglio regionale.

“Le premesse e le richieste erano limpide e riguardavano azioni di competenza regionale. Ma Giunta e maggioranza si sono trincerate dietro il solito gioco dello scaricabarile sulle responsabilità e le hanno respinte tutte. La Lombardia si considera zona arancione, ma non ritiene la scuola una priorità. Le nostre richieste ristabilivano un criterio di responsabilità, ribadendo che la scuola in presenza è un servizio essenziale a prescindere dal colore della zona. Regione Lombardia poteva e deve impegnarsi di più per garantire il rientro in sicurezza almeno al 50 per cento. E invece ha scelto di non occuparsene, di deresponsabilizzarsi, e di chiudere quando poteva tenere aperto, sconfessata due volte dal Tar che ha ritenuto la sua ordinanza sproporzionata e addirittura dannosa”, continua Bocci.

“Avevamo chiesto poche, precise cose per riportare i ragazzi in classe, perché la Dad è utile ma comporta rischi, disturbi e disagi gravi, colpisce il benessere psicofisico, il livello di apprendimento, nega uguali opportunità di accesso e condizioni di studio, porta aumento della dispersione scolastica – ripercorre il suo intervento Bocci –. Regione Lombardia deve intervenire potenziando il trasporto pubblico locale, anche rivolgendosi ai privati come fanno già altre regioni, estendere i tracciamenti, vaccinare subito il personale scolastico, istituire dei presidi sanitari all’interno delle singole scuole. Insomma, dare sicurezza al rientro a scuola e chiedere in conferenza Stato-Regioni di limitare al massimo la Dad per le superiori anche in zona rossa. Non gliene è importato niente”.

Bocci e il Pd hanno chiesto espressamente al consiglio di sostenere la richiesta di studenti e famiglie, “ma la Giunta ha risposto che è compito del Governo occuparsi di questi temi, ha lamentato ancora una volta l’istituzione della zona rossa come se non fosse stato per primo il presidente Fontana a rifiutarsi di riaprire rinviando tutto al 25 gennaio, ha buttato la palla nel campo dei Ministeri. Niente di più sbagliato. Un vero scaricabarile, insomma, e nonostante alcuni punti cardine che abbiamo più volte ribadito: la scuola è un servizio essenziale, una priorità, almeno per noi; le scuole non sono ambienti a rischio; la Dad a oltranza comporta danni ben maggiori per i ragazzi. Non è bastato: la Lombardia non è dalla parte dei ragazzi”.

Milano, 19 gennaio 2021

221 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online