Sabato, 16 gennaio 2021 - ore 13.33

Sgomberi a Cinema Palazzo e nella sede di Forza Nuova

Roma: iniziate alle prime luci dell’alba le operazioni di sgombero del Cinema Palazzo e della sede di Forza Nuova

| Scritto da Redazione
Sgomberi a Cinema Palazzo e nella sede di Forza Nuova

Operazione della polizia dalle luci dell’alba nella capitale: sono iniziate a Roma le operazioni di sgombero del Cinema Palazzo in piazza dei Sanniti, a San Lorenzo, e la sede di Forza Nuova, partito di estrema destra, in via Taranto, a San Giovanni. Il Cinema Palazzo è occupato dal 15 Aprile 2011 da persone autodefinitesi “cittadini, artisti, studenti, attivisti di spazi sociali e associazioni”, ma già nel 2019 era stato posto sotto sequestro, salvo essere rioccupato poco dopo in seguito alla rottura dei sigilli apposti dalle autorità.

Stamattina, a dare la notizia dell’inizio dello sgombero è stato proprio Nuovo Cinema Palazzo, che ha pubblicato due post nel giro di pochi minuti sul proprio profilo Facebook. “Svegliamoci Roma, Svegliamoci San Lorenzo. La prepotenza è arrivata col buio e ha occupato il Cinema Palazzo e piazza dei Sanniti. Ora – si legge ancora nel post – sta uscendo il sole e oggi non abbiamo niente di più importante da fare che dimostrare che non ci stiamo. Portate con voi creatività, energie, forza e pazienza. Sarà una giornata lunga, abbiamo tutto il tempo di dare il nostro contributo. Da adesso in poi ci vediamo a via degli Ausoni sotto il pastificio Cerere. ‘Ognuno di noi deve dare qualcosa in modo che alcuni di noi non siano costretti a dare tutto'” 

vid, dove con la falsa della pandemia stanno riducendo alla fame gli italiani e ci stanno scippando tutte le libertà personali e costituzionali, anche gli spazi di libertà, strappati alla speculazione, al degrado e al malaffare finiscono nel tritacarne dell’oppressione. Mentre a Roma continua a vigere il coprifuoco, migliaia di saracinesche chiudono o non hanno riaperto, mentre avanzano nuove povertà, non cessano le emergenze abitative, mentre Roma rimane sommersa da rifiuti, immigrati e rom la fanno da padrone, le borgate muoiono, mentre gli sgherri della Sindaca, la Polizia Locale, tiranneggiano e taglieggiano i romani, la Raggi decide di sgomberare e chiudere gli spazi liberi”.

“Ancora una volta in nome di una presunta legalità, calpestata con i Dpcm, si attaccano le opposizioni e si tenta di tappare la bocca a chi ha deciso di sfidare il regime – prosegue Castellino – Aggregazione, cultura, controinformazione, lotte sociali spaventano i nuovi tiranni di Roma e d’Italia! La Raggi ha murato solo una sede, non certo la nostra rabbia, la nostra sete di libertà e di giustizia sociale. Roma sarà liberata. Dalla dittatura criminale e terrorista del Covid e anche dalla Raggi, peggior sindaco della storia della Capitale, che gioca la solita, e ormai superata dalla storia, carta dell’antifascismo per racimolare qualche voto. La repressione non ci ferma. La rivoluzione è come il vento!”.

 

 
311 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria