Lunedì, 17 giugno 2019 - ore 18.32

Slovacchia. Previsioni positive per il 2011

| Scritto da Redazione
Slovacchia. Previsioni positive per il 2011

Slovacchia. Previsioni positive per il 2011
Secondo tutte le previsioni il 2011 sarà un anno positivo per l’economia
Il quadro statistico complessivo dell’economia nazionale slovacca è rappresentato da un insieme di stime e previsioni elaborate dalle rilevanti istituzioni finanziarie.
La Banca Nazionale slovacca ha ridotto la sua previsione relativa alla crescita economica 2010 al 4,2% (dal 4,3%) e valutato la crescita per il 2011 al 3%.
La previsione è concorde alla stima fatta dal Fondo Monetario Internazionale che valuta quella per il 2010 superiore al 4%.
L’economia sarebbe invece cresciuta, nel terzo trimestre del 3,8% (anno su anno a prezzi costanti) diminuendo rispetto al 4,2% dei tre mesi precedenti.
Il quadro è completato dall’indicatore di confidenza nell’economia (i cui dati ufficiali sono stati pubblicati lunedì scorso dall’Ufficio Statistico SU) che passa dai 92,8 punti di novembre ai 94,8 di dicembre grazie al miglioramento dell’indice di fiducia nelle attività industriali, nel commercio al dettaglio e nelle costruzioni.
Secondo tutte le previsioni anche il 2011, insomma, sarà un anno positivo per l’economia.
Leggi l'articolo originale: Secondo tutte le previsioni il 2011 sarà un anno positivo per l’economia
La Voce della Slovacchia http://www.lavoce.sk/16968/2010/12/27/economia/secondo-tutte-le-previsioni-il-2011-sara-un-anno-positivo-per-leconomia/#ixzz19PdJRfGp

1316 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

AMNESTY  A  DONALD TUSK: L’EUROPA NON REPLICHI LE CRUDELI POLITICHE AUSTRALIANE IN MATERIA DI RIFUGIATI

AMNESTY A DONALD TUSK: L’EUROPA NON REPLICHI LE CRUDELI POLITICHE AUSTRALIANE IN MATERIA DI RIFUGIATI

In una lettera aperta al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, Amnesty International ha sollecitato l’Unione europea a non replicare le crudeli e illegali politiche adottate in materia di rifugiati dall’Australia, che ha costretto migliaia di richiedenti asilo e rifugiati a restare confinati, in condizioni drammatiche, in campi situati a Nauru e sull’isola di Manus.