Martedì, 02 giugno 2020 - ore 04.08

Truffe online: falso sito della Primigi

Ennesimo tentativo di truffa sulla Rete

| Scritto da Redazione
Truffe online: falso sito della Primigi

Ennesimo tentativo di truffa sulla Rete. Questa volta attraverso un falso sito internet viene pubblicizzata la vendita, a prezzi irrisori, di articoli per bambini e neonati del noto marchio “Primigi”.

Il sito infatti riporta logo e informazioni del tutto simili a quelli dei canali ufficiali dell’azienda inducendo così l’utente a fare acquisti online nella convinzione di trovarsi sul negozio ufficiale dell’azienda.

Ricordiamo alcuni semplici accorgimenti da adottare quando si fanno acquisti online.

Il primo passo per acquistare in sicurezza è quello di avere sempre un buon antivirus aggiornato all’ultima versione sul proprio dispositivo informatico.

Bisogna diffidare da chi vende a prezzi troppo bassi rispetto a quelli di mercato. Spesso dietro potrebbe esserci una truffa.

Verificare la presenza di certificati di sicurezza quali Trust e Verified / VeriSign Trusted che permettono di validare l’affidabilità del sito web.

Prima di procedere all’acquisto verificare che il sito sia fornito di riferimenti quali un numero di Partiva Iva, un numero di telefono fisso, un indirizzo fisico e ulteriori dati per contattare l’azienda. Un sito privo di questi dati probabilmente non vuole essere rintracciabile e potrebbe avere qualcosa da nascondere. I dati fiscali sono facilmente verificabili sul sito istituzionale dell’Agenzia delle Entrate.

Utilizzare soprattutto carte di credito ricaricabili.

Al momento di concludere l’acquisto, la presenza del lucchetto chiuso in fondo alla pagina o di “https” nella barra degli indirizzi sono ulteriori conferme sulla riservatezza dei dati inseriti nel sito e della presenza di un protocollo di tutela dell’utente.

In caso di sospetti fate una segnalazione alla Polizia postale.

291 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

DALLE CAMERE DI COMMERCIO AIUTI ALLE PMI IN DEFICIT DI LIQUIDITÀ

DALLE CAMERE DI COMMERCIO AIUTI ALLE PMI IN DEFICIT DI LIQUIDITÀ

Camere di commercio in aiuto delle imprese in deficit di liquidità a causa dell’emergenza coronavirus. Sono già 34 gli enti camerali che hanno adottato provvedimenti per favorire la liquidità delle piccole imprese: è quanto riporta Unioncamere sottolineando che tra questi provvedimenti ci sono molti interventi che, attraverso il suo bando “tipo”, permettono agli imprenditori in difficoltà di richiedere alla propria Camera contributi a fondo perduto per l’abbattimento dei tassi di interesse dei finanziamenti concessi da banche, società di leasing e altri intermediari.