Domenica, 29 gennaio 2023 - ore 17.50

Uisp Salute, Attività Fisica e Sport La Rete degli Stakeholder

Diritto al movimento, al benessere, alla salute per tutte le persone, di tutte le età: la mission dell'Uisp incontra le strategie europee dell'OMS e contribuisce a creare una rete di stakeholder tra istituzioni pubbliche e privato sociale.

| Scritto da Redazione
Uisp Salute, Attività Fisica e Sport  La Rete degli Stakeholder

"Il progetto Impala.net dimostra che ce la possiamo fare, anche nel nostro paese che, più di altri, è lontano da una cultura europea dello sportpertutti: ce la possiamo fare ma c'è bisogno di politiche pubbliche adeguate - dice Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp, intervenendo al convegno internazionale - il benessere è uno stato che coinvolge tutti gli aspetti dell'essere umano. Viene percepito come una condizione di armonia tra uomo e ambiente, risultato di un processo di adattamento a molteplici fattori che incidono sullo stile di vita. Ecco perché promuovere la buona salute e sani stili di vita per tutti attraverso la cultura del movimento è per la Uisp un punto centr ale della propria mission. Un’associazione sportiva come la nostra, che agisce nella promozione sociale, deve sentire costantemente la responsabilità di contribuire a rimuovere gli ostacoli che impediscono all’Italia di avere percentuali di attività fisica per ogni cittadino che possano avvicinarsi alla media europea".

"Poiché lo stare bene è la precondizione per creare buone relazioni e quindi coesione sociale in un Paese. I dati che Eurobarometro ci consegna indicano che il livello della sedentarietà in Italia è ancora molto alto. Se a ciò sommiamo la perdurante crisi economica che condiziona la spesa delle famiglie, il rischio di vedere allargata la percentuale di persone inattive è del tutto plausibile. Le risposte tuttavia non possono che essere immaginate all’interno di una strategia complessiva che la Uisp da qualche anno ha messo in campo".

"Innanzitutto attraverso una costante azione di advocacy sia a livello nazionale che europeo. Un lavoro approfondito è stato fatto soprattutto per ciò che riguarda i recenti Piani per la prevenzione della salute che hanno visto la sottoscrizione di protocolli tra alcune Regioni e altrettanti Comitati regionali della nostra associazione. Con l’iniziativa che il 6 aprile di quest’anno abbiamo tenuto presso l’Auletta dei Gruppi Parlamentari. E’ stato un evento particolarmente importante, nella giornata mondiale dell’attività fisica, che ha visto la partecipazione di 300 persone ed è stata l’occasione per presentare la traduzione e la pubblicazione, realizzata dalla Uisp, delle Strategie per l’attività fisica per la Regione Europea dell’OMS".

"Ne approfitto per ringraziare Joao Breda per la fiducia e la collaborazione che ci ha riservato. In sostanza abbiamo la consapevolezza che le raccomandazioni OMS non possono trovare realizzazione se non si attiva una rete di soggetti che possa prevedere il coinvolgimento del Governo, del Parlamento, delle Regioni, delle Istituzioni Locali, dei soggetti del terzo settore in un rapporto di coprogettazione e di protagonismo pieno. In questa esatta direzione ci siamo mossi".

"Proprio qui, infatti, nel Parlamento italiano, grazie a Filippo, che ha anche presentato una risoluzione che raccoglie gli spunti e le azioni della Uisp, c’è stato l’avvio degli incontri del Tavolo nazionale degli stakeholders del progetto Impala. Oggi possiamo dire che per il lavoro di advocacy che ognuno di noi ha fatto, questo appuntamento consegna un ulteriore passo avanti, di confronto e azioni, per migliorare la qualità delle infrastrutture locali dedicate all’attività fisica".

 

819 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online