Mercoledì, 25 novembre 2020 - ore 20.12

UNA presenta le 1000 firme contro la caccia alla volpe in tana| Catelani Francarita (video)

| Scritto da Redazione
UNA presenta le 1000 firme contro la caccia alla volpe in tana| Catelani Francarita (video)

Il nostro sito incontro l’associazione UNA quando  gli aderenti alla stessa inviano mail di protesta alla Provincia di Cremona per la sua decisione di autorizzare una caccia alla volpe in tana.
Nasce così l’idea di raccogliere firme su una petizione on-line , ospitata dal nostro sito, che in pochi giorni raccoglie circa 1000 adesione.
Abbiamo quindi sentito  Catelani Francarita Presidente associazione UNA onlus  (uomo natura animale)che si batte per tutti i diritti degli esseri viventi.
Il direttivo di Una ha consegnato nei giorni scorsi alla Provincia di Cremona, per il tramite dell’Assessore Pinotti e del responsabile di servizio Azzoni il fascicolo delle 1000 firme raccolte.
La Presidente Catelani non né soddisfatta dell’incontro , anche se apprezza la cortesia, in qunato la campagna è già stata fatta ( è terminata a giugno) e la provincia ha intenzione di proseguire fino al 2017.
Ma perché è stata autorizzata la campagna della caccia in tana della volpe? La Catelani non ha dubbi : sono i cacciatori che hanno fatto pressione in quanto sostengono che la volpe prederebbe gli animali che i cacciatori stessi immetto nell’ambiente per cacciare.
Ma le volpi caccerebbero le nutri, altro animale per il quale si lanciano campagne per la loro caccia e quindi uccisione.
Il giudizio sui settori caccia e pesca è duro” essi, sostiene la Presidente Catelani non hanno fatto altro che decretare le campagne per l’uccisione di animali quali cornacchie, volpi, corvi, nutrie ecc. Ma vi sarebbe in alternativa, come stabilisce una legge la possibilità della sterilizzazione dei maschi della colonia… La regola invece è la caccia in deroga  mentre andrebbero utilizzati i metodi pacifici”.
Infine un altro fronte , quello contro i circhi che utilizzano animali per attività circense in condizioni assurde. Su questo versante è molto apprezzata l’ordinanza del Sindaco di Crema.
Insomma uno spaccato interessante di un mondo poco conosciuto.

Intervista di Gian Carlo Storti
www.welfarecremona.it
17 luglio 2013

Il Video
1000 firme contro la caccia alla volpe in tana| Catelani Francarita

2449 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Enciclica Papa Francesco ‘Fratelli tutti’ Approfondiscono Raniero La Valle e Francesco Comina.Coordina Carla Bellani [Video G.C.Storti]

Enciclica Papa Francesco ‘Fratelli tutti’ Approfondiscono Raniero La Valle e Francesco Comina.Coordina Carla Bellani [Video G.C.Storti]

Come sito del welfare riteniamo sia importante capire ed approfondire Come sito del welfare riteniamo sia importante capire ed approfondire l’ultima nuova Enciclica di Papa Francesco ‘Fratelli tutti’. Per questo con la collaborazione di Carla Bellani abbiamo organizzato questo incontro in remoto con Raniero La Valle e Francesco Comina che ringraziamo.
Anche a Cremona presidio  promosso  da FridaysForFuture il 9 OTTOBRE durante  SCIOPERO PER IL FUTURO

Anche a Cremona presidio promosso da FridaysForFuture il 9 OTTOBRE durante SCIOPERO PER IL FUTURO

Gli studenti che si sono alternati ai microfoni hanno inteso sottolineare che “ dopo decine di campagne di sensibilizzazione e presidi, e nonostante più di un anno fa il Consiglio Comunale abbia posizionato il tema tra quelli da discutere in seduta, ad oggi il dibattito sul clima è stato continuamente rimandato perché dalla maggior parte ritenuto di scarsa importanza per la comunità”
Cremona Nuovo Ospedale SI o No?  Il  C.C. discute di sanità  ma non arriva ad una conclusione definitiva (Video)

Cremona Nuovo Ospedale SI o No? Il C.C. discute di sanità ma non arriva ad una conclusione definitiva (Video)

La parte finale dell’ordine di giorno della maggioranza di centrosinistra evidenzia “ Sul piano strutturale l'Ospedale di Cremona presenta diverse criticità comprese inefficienza energetica, elevata rigidità strutturale e scarsa adattabilità ai nuovi criteri di diagnostica Integrata, attività multidisciplinare e organizzazione per intensità di cura. Per queste ragioni va approfondita la possibilità di costruzione di una struttura ex-novo, tarata sulle esigenze del territorio e inserita in una realtà provinciale che deve mantenere gli altri ospedali pubblici”.