Venerdì, 23 aprile 2021 - ore 00.47

Vogliono affossare la legge contro l’omo-transfobia |Paolo Fosco (Sin.Ita)

“Noi per la famiglia”, posizioni fuori dalla logica e dal tempo. Leggiamo con interesse l’intervista del presidente Rozza, di “Noi per la famiglia” ...

| Scritto da Redazione
Vogliono affossare la  legge contro l’omo-transfobia |Paolo Fosco (Sin.Ita)

Noi per la famiglia Vogliono affossare la  legge contro l’omo-transfobia |Paolo Fosco (Sin.Ita)

“Noi per la famiglia”, posizioni fuori dalla logica e dal tempo. Leggiamo con interesse l’intervista del presidente Rozza, di “Noi per la famiglia” e ci stupiamo delle argomentazioni proposte.

In una inutilmente lunga dichiarazione parlano di “indottrinamento delle teorie gender” spacciato per “evidenza scientifica”. Parlano di “indottrinamento” gli stessi che organizzano i “Family day” e che vorrebbero che la propria dottrina fosse legge.

Parlano di “far passare per evidenza scientifica la teoria gender” coloro che alle evidenze scientifiche da sempre fanno seguire censure e ci vogliono riportare indietro di secoli. Vogliono affossare una legge contro l’omo-transfobia che sarebbe solo un segnale di civiltà. Qui non si parla di teorie gender ed indottrinamenti ma di diritti e di rispetto. Rispettiamo la fede individuale di ognuno, così come dobbiamo riconoscere i diritti di chi non fa altro che essere sé stesso. E il diritto di essere se stessi, di non essere discriminati, di potersi riconoscere come coppia anche se non si risponde ai requisiti di una fantomatica quanto anacronistica definizione di “Famiglia tradizionale” deve essere un punto saldo di una società civile. Proprio a proposito di “indottrinamento”, siamo invece d’accordo con l’affermazione di chiusura del presidente Rozza: le scuole devono essere luogo formativo e non di indottrinamento, e allora battiamoci insieme affinché quella che oggi è l’ora di “religione cattolica” possa diventare un’ora laica di “studio delle religioni del mondo”, per insegnare il rispetto e la solidarietà o, ancora meglio, un’ora di “diritti e senso civico”, perché tutti possano essere integrati, senza essere discriminati, e tutti possano praticare la propria fede allo stesso modo. Perché è questo il punto: o i diritti sono collettivi o sono privilegi e certe affermazioni restano oggi fuori dalla logica e dal tempo.

Paolo Losco

Coordinatore provinciale Sinistra Italiana Cremona

7 aprile 2021

79 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online