Martedì, 19 marzo 2019 - ore 05.14

Nutrie. In margine a una conferenza... (di U.N.A. Cremona Onlus)

| Scritto da Redazione
 Nutrie. In margine a una conferenza... (di U.N.A. Cremona Onlus)

Egregio direttore,

abbiamo partecipato lo scorso 22 novembre alla conferenza organizzata da essereAnimali a Crema, dedicata alla convivenza tra nutrie ed esseri umani. Relatore il dott. Samuele Venturini, esperto biologo e castorologo, che con dettagli e dati alla mano ha raccontato la storia e l’attualità della presenza delle nutrie e presente e futuro delle strategie per convivere con questi animali anche sul nostro territorio, smettendo (è questo l’auspicio) di ucciderle come si è fatto e si continua a fare da oltre vent’anni. Peccato che mancassero i “diretti interessati” (Provincia, Comuni, enti del territorio, agricoltori), che hanno perso un’occasione per arricchire la propria visione oltre la (non-)logica dell’abbattimento. Sono state fatte considerazioni circa la corresponsabilità della cattiva gestione umana nei danni alle arginature, la non pericolosità della nutria per la leptospirosi, la mancanza di predatori naturali causa caccia umana agli stessi, l’inutilità dei piani di abbattimento per il controllo della popolazione (per i quali la sola Regione Lombardia nel periodo 2004-2009 ha stanziato 1.600.000 euro di soldi pubblici!) e, ovviamente, sui “metodi alternativi” all’uccisione, ossia metodi di ingegneria naturalistica e ambientale, di gestione ambientale e di controllo della natalità (sterilizzazione chirurgica – costo 30-40 euro per animale – e immunocontraccezione), che produrrebbero anche posti di lavoro. L’unica domanda che questa conferenza ci ha lasciato è: quando, finalmente, anche i nostri amministratori vorranno prendere atto della realtà e della verità e agire di conseguenza?

 

UNA Cremona (Uomo-Natura-Animali)

1172 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Eleonora Forenza Il carcere di Poggioreale condizioni strutturali assolutamente inadeguate

Eleonora Forenza Il carcere di Poggioreale condizioni strutturali assolutamente inadeguate

Domenica 24 febbraio mi sono recata in visita presso i padiglioni Firenze, Milano, Avellino e Genova del carcere di Poggioreale a Napoli. Ero assieme a Sandra Berardi, presidente dell’associazione per i diritti dei detenuti Yairaiha Onlus, che da lungo tempo collabora con me nel percorso di visite delle strutture penitenziarie e denunce delle gravi carenze del sistema carcerario italiano.