Domenica, 16 dicembre 2018 - ore 21.22

#25aprile2018 Sospiro, Cella Dati e Derovere hanno reso omaggio a tutti i caduti

In occasione dell'anniversario della Liberazione d'Italia, l'Unione di Comuni Lombarda "Terrae Nobilis" ha reso omaggio a tutti i caduti, militari e civili, delle comunità di Sospiro, Cella Dati e Derovere.

| Scritto da Redazione
 #25aprile2018 Sospiro, Cella Dati e Derovere hanno reso omaggio a tutti i caduti  #25aprile2018 Sospiro, Cella Dati e Derovere hanno reso omaggio a tutti i caduti

 #25aprile2018 Sospiro, Cella Dati e Derovere hanno reso omaggio a tutti i caduti

In occasione dell'anniversario della Liberazione d'Italia, l'Unione di Comuni Lombarda "Terrae Nobilis" ha reso omaggio a tutti i caduti, militari e civili, delle comunità di Sospiro, Cella Dati e Derovere.

Una sentita e solenne manifestazione commemorativa, iniziata a Sospiro e conclusa a Cella Dati, durante la quale sono stati recuperati valori fondamentali e ideali alti: pace, libertà, unità e amore per la patria. Oltre agli amministratori locali erano presenti alcuni reduci, il maresciallo Paolo Fiori, i rappresentanti della Associazione Carabinieri di Sospiro, della Associazione Nazionale Combattenti e Reduci e alcuni volontari del gruppo di Protezione Civile di Sospiro.

La manifestazione si è aperta con la deposizione della corona di alloro presso il monumento ai Caduti di piazza Europa a Sospiro. A fare gli onori di casa il sindaco Paolo Abruzzi il quale, a seguito del minuto di silenzio e di raccoglimento davanti al monumento, ha ricordato "quanto sia importante operare per il bene comune e quanto oggi, più che mai, ci sia bisogno di uomini e donne capaci di atti eroici nell'ottica della affermazione e del mantenimento dei valori democratici".

La cerimonia è poi proseguita con la Santa Messa, presieduta da don Federico Celini, presso la chiesa di Cella Dati. Il parroco ha così introdotto la celebrazione: "la nostra società non deve ripiegarsi in una memoria nostalgica di un passato ormai remoto, ma deve mantenere viva la memoria attraverso l'azione politica e amministrativa, attraverso l'impegno di coloro che operano nel settore della cultura della comunicazione e di chi si occupa dell'educazione delle future generazioni".

Al termine della funzione religiosa, il corteo si è diretto verso il municipio di Cella Dati per l'omaggio alle lapidi dei caduti. Nel suo discorso, il sindaco Giuseppe Rivaroli ha dichiarato: "oggi celebriamo la conquista della libertà di un popolo che si è riappropriato dei valori democratici per questo esprimiamo ammirazione e sentimenti di somma gratitudine per tutti i nostri concittadini che hanno dato la loro vita perché solo nel ricordo affondano le radici della crescita e dello sviluppo della collettività".

1° foto Cerimonia Sospiro

2° foto sindaco Paolo Abruzzi sindaco Giuseppe Rivaroli maresciallo Fiori Attilio Albertoni ass. Combattenti e Reduci

720 visite

Articoli correlati