Venerdì, 19 agosto 2022 - ore 13.44

A Bruxelles si è parlato molto di sport

| Scritto da Redazione
A Bruxelles si è  parlato molto di sport

A BRUXELLES, PRESSO LA SEDE DEL PARLAMENTO EUROPEO, NEI GIORNI SCORSI SI E' PARLATO DI SPORT. ANCHE L'EUROPA METTE AL CENTRO L'ATTIVITA' MOTORIA. Interviene F. Fossati
Martedì 27 novembre, a Bruxelles, presso il palazzo Justus Lipsius, sede del consiglio dei ministri dell’Unione Europea e cuore del governo del continente, ha avuto luogo un pranzo di lavoro all’interno del dialogo strutturato sullo sport: un appuntamento ristretto e informale a cui ha partecipato un piccolo e selezionato numero di interlocutori delle istituzioni europee.
L’appuntamento, ufficialmente presieduto dall’attuale presidenza di turno, ha visto la presenza del Ministro dello sport cipriota, insieme a rappresentanti dei ministeri danesi e irlandesi, il relatore sullo sport al Parlamento Santiago Fisas Ayxela e la Commissaria Andrioulla Vassiliou, della commissione istruzione, cultura, multilinguismo, gioventù e sport, vero motore dell’incontro. Al pranzo di lavoro hanno preso parte alcune tra le maggiori organizzazioni europee che si occupano di sport. Presente anche Filippo Fossati, presidente nazionale Uisp, in qualità di chairman di ISCA Europe.
“La proposta della Commissione Europea, della quale si è discusso durante l’incontro - dice Fossati - è di istituire una settimana europea dello sport nell’ambito del rilancio della strategia HEPA, il programma dell’Unione Europea e dell’OMS per migliorare la salute attraverso la diffusione del movimento e dell’attività fisica. La proposta è quindi quella di un grande appuntamento in cui sia reso evidente il legame tra sport e salute”.
“La commissaria Vassiliou - continua Fossati - vuole evitare il rischio di un evento spot, un’unica giornata ad esempio, in cui si concentrerebbero iniziative forse spettacolari ma troppo mirate: la settimana avrebbe invece il senso di coinvolgere tutte le attività normali del mondo sportivo, delle comunità locali, legandole insieme, dando loro un significato unico, rafforzandole e dando loro maggior capacità di attrarre i cittadini verso l’attività fisica”.
“Il quadro culturale all’interno il quale si inserisce la proposta della commissione è un quadro in cui ISCA e Uisp credono fortemente: l’Europa ha bisogno di concentrare in una proposta visibile tutto lo sforzo fatto negli anni passati sa dal punto di vista legislativo che da quello economico attraverso il finanziamento ai progetti di sport sociale. Siamo convinti che il tema del contrasto alla sedentarietà e alle patologie ad essa correlate debba essere una delle priorità dell’agenda politica europea e degli stati membri: su questo tema ISCA ha lanciato la campagna 100 milioni di cittadini europei attivi in più entro il 2020".
"Infine - conclude Fossati - il motivo per cui ISCA e Uisp possono essere di grande aiuto alla realizzazione di questo progetto è che lo hanno già realizzato! Dal 1 al 7 ottobre 2012 in 23 paesi ISCA ha lanciato la prima edizione test di Move Week con oltre 120 eventi di cui 5 in Italia organizzati dall’Uisp. Abbiamo visto che il modello funziona, ha grandi possibilità di sviluppo e contribuisce alla creazione di relazioni tra le associazioni, le comunità e i cittadini d’Europa. Una settimana è il tempo giusto per mettere in condizione gli attori coinvolti, cioè associazioni, comunità, enti pubblici, di accogliere nuovi cittadini in movimento”.
“L’Uisp – conclude Fossati - oltre a partecipare all’organizzazione dell’evento attraverso ISCA, si farà anche carico di fare pressione affinché il governo italiano diventi parte attiva nel sostenere la realizzazione di questo progetto. Il valore di questa iniziativa è stato sottolineato da tutte le rappresentanze europee presenti, anche per quanto riguarda l’aspetto economico in questo momento di crisi: rilanciare la connessione tra sport e salute e fare dello sport uno strumento per creare occupazione, dando nuove possibilità ai giovani, agli educatori e ai tecnici che lavorano in questi settori”.

 

901 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria