Mercoledì, 29 settembre 2021 - ore 03.32

A proposito del Bàbila, poesia di Emilio Zanoni | Melega Agostino (Cremona)

A proposito del Bàbila, ovvero il facchino giornaliero di Pieve San Giacomo, che uccise a colpi di coltello la moglie Cesira Ferrari la notte del 14 aprile 1889, scaraventandola poi nel Morbasco dal ponte sul viale Po, è stata scritta su di lui una composizione in dialetto da parte di Emilio Zanoni (1914-1995), che oltre ad essere stato parlamentare e sindaco di Cremona, si è proposto in privato pure come poeta vernacolare.

| Scritto da Redazione
A proposito del Bàbila, poesia di Emilio Zanoni | Melega Agostino (Cremona)

A proposito del Bàbila, poesia di Emilio Zanoni | Melega Agostino (Cremona)

A proposito del Bàbila, ovvero il facchino giornaliero di Pieve San Giacomo, che uccise a colpi di coltello la moglie Cesira Ferrari la notte del 14 aprile 1889, scaraventandola poi nel Morbasco dal ponte sul viale Po, è stata scritta su di lui una composizione in dialetto da parte di Emilio Zanoni (1914-1995), che oltre ad essere stato parlamentare e sindaco di Cremona, si è proposto in privato pure come poeta vernacolare.

EL BABILA

Soeul viaal de Poo, tanti an fa, na sera

d'estàat, girava intourno en tempouràal,

en tisio apéna fora de galéera

el spetàava e in sacoza el gh'ìa en pugnàal.

'L éra el Babila, spuus de na filéera

pien de rabia perchè ai "Bragòon" en tal

el gh'ìa countàat che so mujéer la séera

a vegnìa mourusàa pròpia soeul viàal.

En soeul viàal de la pàart del Lugo a proov

a 'm plàten coul courtél chel cancaréen

de Bàbila 'l inciòoda la Cesìra.

Poera dona iniucèenta; el sàanch che pioov

dal coor che palpitàava dèen el sèen

el fà na pouccia couma al dies-ira!

 

BABILA. Sul viale Po, tanti anni fa, una sera/ d'estate, mentre un temporale incombeva,/ un tizio appena uscito dalla galera/ aspettava e in tasca aveva un pugnale.// Era il Babila, marito della filarina/ colmo di rabbia perché nel carcere de "i Bragòon" un tale/ (gli) aveva raccontato che sua moglie la sera/ veniva a "filare" proprio sul viale.// E sul viale dalla parte (dell'agglomerato) del Lugo/ vicino ad un platano, col coltello, quella persona molesta del Babila/ inchioda la Cesira.// Povera donna innocente; il sangue che piove/ dal cuore che palpita in seno/ fa una pozzanghera, come (se fosse giunto) il giorno del Dies irae.// (Traduzione nostra).

675 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online