Mercoledì, 24 luglio 2019 - ore 08.20

Agostino Aglio, un pittore cremonese a Buckingham Palace Ne hanno parlato Elisa Chittò e Gianluigi Bresciani

Questo il tema affrontato nel corso degli "Incontri In Provincia", alla presenza di Elisa Chittò, segretario della Società Storica Cremonese e del ricercatore Gianluigi Bresciani.

| Scritto da Redazione
Agostino Aglio, un pittore cremonese a Buckingham Palace Ne hanno parlato Elisa Chittò e  Gianluigi Bresciani Agostino Aglio, un pittore cremonese a Buckingham Palace Ne hanno parlato Elisa Chittò e  Gianluigi Bresciani Agostino Aglio, un pittore cremonese a Buckingham Palace Ne hanno parlato Elisa Chittò e  Gianluigi Bresciani

Agostino Aglio, un pittore cremonese a Buckingham Palace Ne hanno parlato Elisa Chittò e  Gianluigi Bresciani

Questo il tema affrontato nel corso degli "Incontri In Provincia", alla presenza di Elisa Chittò, segretario della Società Storica Cremonese e del ricercatore Gianluigi Bresciani.

“Un cremonese noto oltre i confini italici che ha portato la nostra arte presso la corte della regina Vittoria – così ha presentato il tema centrale della ricerca, il segretario Chittò – Le sue committenze, tra i primi dell’800, vennero sia da parte della Chiesa Cattolica che di quella Anglicana, considerate le sue capacità espressive-artistiche”.

E' intervenuto poi il ricercatore Bresciani: “Avventurosa e poco nota la vita di Agostino Aglio (Cremona, 1777 - Londra, 1857) , come sottovalutata e misconosciuta in Italia la sua produzione che testimonia le indubbie e poliedriche capacità di paesaggista e decoratore. Formatosi nell'ambiente familiare e all'Accademia di Brera, il pittore si trasferì alla fine del 1799 a Roma presso l'atelier del pittore mantovano Campovecchio, raffinato paesista di gusto neoclassico. Nella città eterna l'incontro con l'architetto inglese W. Wilkins fu occasione per intraprendere un lungo viaggio nell’Italia meridionale, in Egitto e in Grecia durante il quale eseguì disegni e rilievi dei monumenti visitati. Nel 1803 accolse l'invito dell'amico a trasferirsi definitivamente a Londra dove intraprese una brillante carriera sia come istitutore dei rampolli delle famiglie nobili londinesi che come pittore e decoratore di dimore private, di teatri, di chiese, sia cattoliche che protestanti”.

Ha continuato Bresciani: “A partire dalla metà degli anni trenta dell’ottocento iniziò a ottenere i favori della corte, in particolare della regina Vittoria che scelse proprio Aglio per il primo ritratto ufficiale da sovrana (ritratto ancor oggi conservato presso la Camera dei Lords – vedi immagine). Sempre per conto della Regina l’Aglio affrescò il nuovo padiglione vittoriano edificato, su progetto dell’architetto di corte Gruner, nei giardini di Buckingham Palace. Agostino Aglio rimase sempre legato alla sua città natale e alla sua morte, nel 1857, dispose che tutte le opere in suo possesso fossero, per il tramite del figlio Augustine, donate al Comune di Cremona ed esposte al pubblico – progetto che tuttavia non si realizzò mai”.

Infine una “Una curiosità: l’Aglio fu intimo amico di un altro cremonese famoso a Londra: il violinista Spagnoletti a cui il Museo del Violino dedica in questi mesi una bella mostra. Aglio e Spagnoletti: due cremonesi “dimenticati”, che hanno portato con orgoglio la fama di Cremona nel mondo”.

(in allegato il ritratto ufficiale della regina Vittoria ed una delle sale dipinte da Agostino Aglio nel Victorian Pavilion di Buckingham Palace)

foto 172025 i relatori da sin. Bresciani/Chittò)

 

507 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online