Martedì, 25 giugno 2019 - ore 06.13

Alle origini della nostra civiltà : un documento del 1748 sulla contribuzione in Valle Arroscia di Christian Flammia

Il commento dello storico Franco Bianchi Per la nostra rubrica culturale "Alle origini della nostra civiltà", pubblichiamo un importante ed inedito documento del 1748 sulla ripartizione delle contribuzioni in Valle Arroscia.

| Scritto da Redazione
Alle origini della nostra civiltà : un documento del 1748 sulla contribuzione in Valle Arroscia di Christian Flammia

Alle origini della nostra civiltà : un documento del 1748 sulla contribuzione in Valle Arroscia di Christian Flammia

Il commento dello storico Franco Bianchi  Per la nostra rubrica culturale "Alle origini della nostra civiltà", pubblichiamo un importante ed inedito documento del 1748 sulla ripartizione delle contribuzioni in Valle Arroscia.

Di seguito il testo del documento e il commento dello storico ligure Franco Bianchi, collaboratore del Parco delle Alpi Liguri.

Testo :

Albenga e Contado – L. 10502,10

Pieve  ------------------- L. 10502,10

Alassio ------------------ L.   6800

Andora e Laigueglia -  L.   5512.2.4

Cervo -------------------- L.   3023.15.4

Diano -------------------- L.   8359.15

Pornassio --------------- L.          8.1.8

Cosio --------------------- L.          5.13.4

Mendatica -------------- L.        15.4mm

Casanova ---------------- L.        45.4

Onzo ---------------------- L.        600

Zuccarello ----------------L.      3000

                               _____________________

                                     totale   48589

 

De suddetto riparto “le Ville” medesime vedranno la loro quota, quale fra tutti li 21 corrente procureranno sia pagata nella Reggia Tesoreria in Finale per non sogiacere all’esecuzione nella forma militare e più rigorosa portata dal Reggio Editto "de relativo” corrente e pubblicato in questa città li 11 detto.

Accuseranno la ricevuta del presente ordine con pagare all’espresso soldi 30 per il medemo dar’anno ricevuta la ricevuta del presente ordine.

Albenga li 15 8bre 1748.

Andrea Morelli Console

  1. Francesco Ferraro Console

Si trasmette copia del suddetto riparto alli Magnifici Serenissimi Consoli delle Ville Inferiori del quale per discarrico ne accusavano a piedi del presente la ricevuta e pagheranno all’espresso soldi 4.

Pieve li 16 8bre 1748

G.Batta Calvi Console

Giorgio Guadalino capo Console delle Ville Inferiori riceve il presente riparto questo giorno de 17 corrente.

Il commento di Franco Bianchi:

"Si tratta del riparto delle cosiddette contribuzioni (imposte dirette). La data dei Documenti cade nell’anno 1748 e nel mese di ottobre. Si deve ricordare che in base al trattato di Aquisgrana (18 ottobre 1748) la zona torna in possesso di Genova. Il riferimento al Regio editto e la contabilità in lire Piemonte fa pensare ad una richiesta che arriva dal regno di Sardegna e non dal Senato genovese. Le date peraltro sono ravvicinate e il tema sarebbe da approfondire. Due punti sembrano inoltre particolarmente interessanti. Il primo, guardando i numeri, ci dice che Pieve e le sue Ville danno un gettito uguale a quello di Albenga e del suo circondario: cifre queste di molto superiori a tutte le altre cifre esposte. Pare dunque che la zona di Pieve assumesse un importanza superiore a quella ad esempio di Diano. Il secondo punto riguarda la pignoleria con cui si chiede di dar ricevuta (pagando inoltre il latore) del riparto inviato. Notevole il fatto che in assenza di pagamento entro i termini si minacci il ricorso all’esercito (“esecuzione nella forma militare”).

Ancora una annotazione: se di lire piemontesi si tratta occorre ricordare che la lira piemontese si divideva in 20 soldi e 12 denari".

A cura di Christian Flammia - 29 06 2018

 

395 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online