Venerdì, 03 dicembre 2021 - ore 13.53

Boom di acquisti a km 0

| Scritto da Redazione
Boom di acquisti a km 0

Le vacanze del caro benzina
L’acquisto di prodotti locali nell’estate 2012 è stato spinto anche dal caro benzina che ha fatto impennare il costo dei trasporti e favorito l’acquisto delle specialità direttamente nei luoghi di produzione. 6 italiani su 10 scelgono il prodotto tipico del territorio come ricordo delle vacanze
Il caro benzina fa volare gli acquisti a chilometri zero e superano il miliardo la spesa estiva di italiani e stranieri in cantine, malghe o frantoi per acquistare direttamente dai produttori vini, ortofrutta, olio, formaggi, e altre specialità offerte dalle  imprese agricole italiane che vendono direttamente attraverso spacci aziendali, chioschi, bancarelle, sagre e mercati. È  quanto stima la Coldiretti per l’estate 2012 nel sottolineare che l’acquisto di prodotti locali nell’estate 2012 è stato spinto anche dal caro benzina che ha fatto impennare il costo dei trasporti e favorito l’acquisto delle specialità direttamente nei luoghi di produzione. 
Con la crisi più di un italiano su tre ha partecipato quest’estate alle sagre alimentari che rappresentano spesso una occasione privilegiata per conoscere le specialità locali, con un volume d'affari di 350 milioni di euro, scaturito da 17-18mila eventi sul territorio nazionale, pari a una media di 250 appuntamenti al giorno, cifra che sale a quasi mille nel periodo estivo. Un’opportunità per i vacanzieri italiani e stranieri che possono così garantirsi souvenir esclusivi e di qualità al giusto prezzo, ma anche una occasione per le imprese agricole che possono vendere senza intermediazioni e far conoscere direttamente le caratteristiche e il lavoro necessario per realizzare specialità territoriali uniche ed inimitabili.

per leggere tutto l'articolo clicca qui:
http://www.italiaatavola.net/articoli.asp?cod=26908

919 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria