Sabato, 26 settembre 2020 - ore 22.47

Coronavirus LA GUÈRA A’L BÈECH | Agostino Melega (Cremona)

“Vàca dìi regàs, sùunti a tòch! Ògni dées minüüt gh’è en ‘flèsc mòb’…! E cùr in teràsa… e càanta l’Inno… e mèt fóora el ninsóol biàanch… e impìsa na candéela biàanca!”

| Scritto da Redazione
Coronavirus LA GUÈRA A’L BÈECH | Agostino Melega (Cremona)

Coronavirus LA GUÈRA A’L BÈECH | Agostino Melega (Cremona)

Questo dialogo affannato immagino fra nonno e nipote, o fra padre e figlio, mi è stata inviato in simultanea da un paio di amici. Non è merce mia. Ho solo dato una ritoccata al testo, seguendo i criteri del Dizionario del Dialetto Cremonese del 1976. Mi sono permesso di dare allo scritto pure il titolo.

LA GUÈRA A’L BÈECH

-          “Vàca dìi regàs, sùunti a tòch! Ògni dées minüüt gh’è en ‘flèsc mòb’…! E cùr in teràsa… e càanta l’Inno… e mèt fóora el ninsóol biàanch… e impìsa na candéela biàanca!”

-          “Ghe j ùm apèena rùse!”

-          “Nòo! Rüüga bèen in de’l casèt che la ghe vóol biàanca!…. E cùr in teràsa…”

-          “Cùša gh’ùm de fàa adès?!”

-          “Tàas e bàt li màan! Cùr dèenter che fùm el cartél: ‘ANDRA’ TUTTO BENE!’ Ghe vóol el penarél azzurrogaypride”.

-          “Gh’ùm dées azzurri divèers, ma chél lé ghe l’ùm mìia!”.

-          “Ghe vóol chél lé! Và in sufìta a véder in méša a le ròbe véce! Fà el cartél!”

-          “Cun cùša el tàcum?”

-          “La làsa, ‘lo spago’!”

-          “Ghe ‘l ùm mìia. Làsa stàa! Cùrum fóora che gh’è el flesc mòb de Rìno Gaetano: ‘Ma il cielo è sempre più blu’”.

-          “Tùurna dèenter … Dòpo cìinch minuut: ‘cùr fóora’, impìsa la tòorcia che i ne vèt da’l satelìte”!

-          “Ma gh’è frèt! Me véen la tùs.”

-          “Tàas e móof la tòorcia! Dizìighe però a Cóonte che mé dumàan vòo a lauràa südinò me màali delbòon!!!”

LA GUERRA AL VERME. Boia d’un mondo ragazzi, sono a pezzi/ Ogni dieci minuti c’è un ‘flesc mob’…!/ E corri in terrazza… e canta l’Inno (di Mameli)… ed esponi il lenzuolo bianco… ed accendi una candela bianca!/ “Le abbiamo solo rosse!”/ Noo! Fruga bene nel cassetto perché deve essere bianca… E corri in terrazza../ “Cosa dobbiamo fare adesso?” Taci e batti le mani. Corri dentro che facciamo il cartello: ‘Andrà tutto bene!’. “Ci vuole il pennarello azzurrogaypride”/ Abbiamo dieci azzurri, ma quello lì non lo abbiamo! “Ci vuole quello lì! Vai  in soffitta e vedere in mezo alle robe vecchie. Fai il cartello!”  Con che cosa lo attacchiamo? “Con lo spago!” Non lo abbiamo. Lascia stare! Corriamo fuori, accendi la torcia che ci vedono dal satellite! “Ma che freddo! Mi viene la tosse. “Taci e muovi la torcia! Dite però a Conte che io domani vado a lavorare altrimenti mi ammalo sul serio!!!.

596 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online