Martedì, 04 agosto 2020 - ore 16.06

Coronavirus RSA Cremona Mimmo Palmieri (Spi-Cgil) ‘Forse 1000 anziani morti. Perché ? Vogliamo saperlo’

In questa telefonata Mimmo Palmieri . SG Sindacato Pensionati Cgil Cremona, sollecita le autorità preposte, non solo a dare i numeri esatti degli anziani morti nelle RSA della provincia , ma dire il perché e quali sottovalutazioni ci sono state. Chiesto incontro al Prefetto.

| Scritto da Redazione
Coronavirus RSA Cremona Mimmo Palmieri (Spi-Cgil)  ‘Forse  1000 anziani morti. Perché ? Vogliamo saperlo’ Coronavirus RSA Cremona Mimmo Palmieri (Spi-Cgil)  ‘Forse  1000 anziani morti. Perché ? Vogliamo saperlo’

Coronavirus RSA Cremona Mimmo Palmieri (Spi-Cgil)  ‘Forse  1000 anziani morti. Perché ? Vogliamo saperlo’

In questa telefonata Mimmo Palmieri . SG Sindacato Pensionati  Cgil Cremona, sollecita le autorità preposte, non solo a dare i numeri esatti degli anziani morti nelle RSA della provincia , ma  dire il perché e quali sottovalutazioni ci sono state. Chiesto incontro al Prefetto.

Palmieri non ha peli sulla lingua: “  Finchè non vengono comunicati i dati tutti i numeri sono possibili. Di certo , già ora si sa che le strutture degli anziani cremonesi sono state lasciate sole. Non sono stati consegnate le difese necessarie sia per i dipendenti che per i ricoverati e non sono partiti per tempo i tamponi.”.

“ Inoltre è giusto sottolineare- prosegue Palmieri-  che in questi mesi  sono arrivate  alle RSA disposizioni contraddittorie sulle chiusure  dei Centri Diurni e sugli accessi dei parenti. Ora la regione scarica le responsabilità sulla AST Valle Padana le responsabilità , ma sono mancate indicazioni a livello regionale”

“ Certamente -chiude Palmieri-  AST Valle Padana ha le sue responsabilità. I primi giorni di aprile abbiamo chiesto – come Cgil Cisl UiL  confererali, pensionati , funzione pubblica- un incontro ,per sapere e capire, che non ci è stato ancora concesso. Per questo abbiamo sollecitato il Prefetto a convocare le parti”.

------------

Del resto le preoccupazioni dei famigliari sono crescenti. E’ dalla fine di febbraio che non possono accedere  alle RSA e vedere i loro  cari. Sanno solo che sono vivi se non gli viene comunicato il contrario.

Credo che quello delle RSA sia stato il punto più debole della catena in questa emergenza sanitaria. Possiamo trovare tutte le giustificazioni del caso, ma quello che è certo è che le strutture sono state lasciate sole. Ed era noto che le case di riposo non avevano le strutture sanitarie per intervenire.

La magistratura farà le sue indagini , ma il sistema del welfare Lombardo ha molte  aree di difficoltà che dovranno essere  discusse e colmate nel futuro. Ne va della vita dei cittadini.

Red/welcr/gcst

Cr 17 aprile 2020

 

Allegati audio:

Audio 1:

1585 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online